Sta per essere trascinato sotto un treno lungo i binari della stazione, addetto alla sicurezza lo salva: video

L'intervento tempestivo di un vigilante delle Ferrovie ha salvato un passeggero, evidenziando i pericoli dell'imbarco o della scesa...

martedì 2 aprile 2024

Sta per essere trascinato sotto un treno lungo i binari della stazione, addetto alla sicurezza lo salva: video


L'intervento tempestivo di un vigilante delle Ferrovie ha salvato un passeggero, evidenziando i pericoli dell'imbarco o della scesa dai treni in movimento, consiglio spesso ribadito dalle Ferrovie Indiane eppure spesso ignorato. Un vigilante della Maharashtra Security Force (MSF) ha mostrato un notevole coraggio mettendo in pericolo la sua vita per salvare un passeggero da un potenziale incidente mortale alla stazione di Pune, nello stato di Maharashtra in India. 

L'incidente, ripreso il 27 marzo 2024 dalle telecamere a circuito chiuso e condiviso sui social media, cattura un passeggero che tenta di salire a bordo del treno "11301 Udyan Express” in movimento mentre si allontana dalla piattaforma. Tuttavia, il passeggero perde l'equilibrio e viene trascinato momentaneamente, spingendo il personale della MSF a entrare in azione. Nel filmato, il vigilante può essere visto correre verso il passeggero in difficoltà, che si aggrappa disperatamente alla maniglia della porta del treno. Con un'azione rapida e decisa, l’addetto alla sicurezza tende la mano e tira il passeggero in salvo, evitando una potenziale disgrazia. 

L'atto eroico del vigilante, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha raccolto diffusi elogi sui social media, con numerosi utenti che lodano il suo coraggio. Il portavoce del Divisional Railway Manager (DRM) di Pune, ha dichiarato: "Nel trambusto della stazione di Pune, l'azione rapida e il coraggio dello staff della Maharashtra Security Force (MSF), ha salvato un passeggero da un incidente quasi mortale a bordo del treno". È stata una vera testimonianza della dedizione al servizio passeggeri. “I passeggeri sono pregati di evitare di salire e scendere dai treni in corsa. La tua sicurezza è la nostra priorità” ha così concluso evidenziando i pericoli dell'imbarco o della scesa dai treni in movimento.

Tragedia a Istanbul: incendio in un edificio di 16 piani, almeno 29 morti


ISTANBUL - Un incendio devastante ha colpito un edificio di 16 piani a Istanbul, portando alla morte di almeno 29 persone. Le fiamme hanno divorato il palazzo mentre era in corso una fase di ristrutturazione, lasciando dietro di sé una scia di distruzione e tragedia.

Il governatore di Istanbul, Davut Gül, ha dichiarato che la causa dell'incendio non è ancora chiara, ma ha indicato che il palazzo era soggetto a lavori di ristrutturazione al momento del disastro. Purtroppo, molte delle vittime sono state individuate tra coloro che stavano lavorando alla ristrutturazione dell'edificio.

Il ministro degli Interni, Ali Yerlikaya, ha annunciato l'avvio di un'indagine sull'incidente, sottolineando l'urgenza di comprendere appieno le circostanze che hanno portato alla tragedia.

Secondo quanto riferito dalla tv di Stato Trt, l'incendio ha avuto inizio intorno alle 13:00 in via Yıldız Posta, a Beşiktaş. Si suppone che ci sia stata un'esplosione vicino alla discoteca Masquerade, situata al piano inferiore dell'edificio, che al momento era chiuso per il Ramadan durante i lavori di ristrutturazione.

Immediatamente sono stati inviati sul luogo del disastro medici, polizia e squadre dei vigili del fuoco, con 31 veicoli e 86 soccorritori. Il prefetto di Istanbul ha incaricato due magistrati dell'indagine e ha annunciato che 5 persone sono state messe in stato di arresto.

Sembrerebbe che l'incendio sia partito da una sala giochi dove erano in corso dei lavori di manutenzione e rinnovamento, situata al piano terra dell'edificio adiacente al palazzo principale poi avvolto dalle fiamme.

L'intera comunità è sotto shock per questa tragedia, mentre le autorità locali si adoperano per comprendere le cause e affrontare le conseguenze di questa terribile perdita di vite umane.

sabato 16 marzo 2024

In Giappone si sta diffondendo un’infezione mortale da 'Streptococcus pyogenes', particolarmente pericolosa per le persone sotto i 50 anni


TOKYO - Una rara ma pericolosa infezione batterica si sta diffondendo a velocità record in Giappone. Esperti e funzionari sanitari si trovano ad affrontare un enigma. Gli esperti lanciano l’allarme: la sindrome da shock tossico indotto da streptococco (STSS) si sta diffondendo a un ritmo senza precedenti in Giappone. 

L'infezione batterica, che in alcuni casi può essere fatale, ha già raggiunto i 378 casi nei primi due mesi di quest'anno, conferma l'Istituto nazionale delle malattie infettive (NIID).I dati comparativi dell’anno precedente mostrano la drammaticità della situazione: nell’intero anno 2023 si sono verificati complessivamente 941 casi di STSS. I dati NIID fanno temere che i numeri possano aumentare in modo significativo quest’anno. Particolarmente preoccupante: mentre gli anziani sono normalmente considerati un gruppo a rischio, ora i decessi sono in aumento tra le persone sotto i 50 anni. 

La causa della maggior parte dei casi è il batterio “Streptococcus pyogenes”, che spesso provoca mal di gola nei bambini ed è spesso presente inosservato nelle persone. Il batterio può essere altamente contagioso e causare malattie gravi; circa il 30% dei casi di STSS sono fatali. I sintomi negli anziani includono sintomi simili al raffreddore, ma questi possono peggiorare e svilupparsi in malattie gravi come polmonite o meningite. Gli esperti sospettano che l’aumento dei contagi sia legato alla fine delle rigide misure di protezione dal coronavirus in Giappone. 

Da quando nel maggio 2023 il Covid-19 è stato classificato al livello di un’influenza stagionale, le persone sembrano essere meno caute. Il Ministero della Salute giapponese raccomanda di seguire le stesse precauzioni igieniche stabilite durante la pandemia di coronavirus. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, allerta alta, dunque, a fronte di numeri in crescita per chi si reca o ritorna da questa parte del mondo in cui è frequente e continuo il rischio di contrarre la malattia.

martedì 27 febbraio 2024

Volo Thai AirAsia da Bangkok a Nakhon, esplode un power bank


Una scena che sembra uscita da un film thriller. È una tipica partenza mattutina alle 7:20 del 25 febbraio dall'aeroporto Don Mueang, con la promessa di un viaggio senza incidenti per i 186 passeggeri. Tuttavia il jet AirAsia stava volando da Bangkok a Nakhon Si Thammarat, nel sud del paese, quando fiamme e fumo sono stati visti 30 minuti dopo il decollo del volo FD3188. L'equipaggio di cabina, sotto shock, si è precipitato nella fila 15 dell'Airbus A320 e ha lottato per spegnere l'incendio in circa due minuti. Fumo e fiamme escono dalla quindicesima fila, scatenando il panico in tutta la cabina. Ma è qui che la storia prende una svolta stimolante. 

In mezzo al caos alimentato dal fumo, sboccia un senso di unità. Passeggeri e membri dell'equipaggio, in una splendida dimostrazione di coraggio collettivo e rapidità di pensiero, si uniscono per affrontare frontalmente il fiero avversario. In quella che sembrò un'eternità, ma che in realtà durò solo circa due minuti, l'incendio fu domato, trasformando un potenziale disastro in una storia di trionfo. L'indagine su questo incidente infuocato ha puntato il dito contro un compagno di viaggio apparentemente innocente ma famigerato dell'era moderna: il power bank. 

Nascosto nella tasca del sedile, appartenente a una famiglia che si imbarca in quella che doveva essere una vacanza gioiosa, questo caricabatterie portatile ha deciso di scatenare la sua furia a mezz'aria, dando vita a uno scenario che avrebbe potuto virare verso la tragedia se non fosse stato per gli sforzi coraggiosi di coloro che erano a bordo.'L'aereo è atterrato in orario senza feriti. I tecnici sono saliti a bordo del veicolo per verificare i danni e hanno trovato segni neri di bruciatura sul sedile. Hanno detto ai passeggeri che nella borsa del sedile era stata conservata una power bank ma che è esplosa durante il volo.

Il capitano Pol Sayan Srimai ha detto: 'Il passeggero che possedeva il power bank era con un gruppo numeroso, circa sette o otto persone. Quando è successo si è alzato molto velocemente e non si è fatto male.' Tuttavia quello dell’incidente di oggi, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non è un caso isolato. All'inizio di questa settimana, un aereo ha effettuato un atterraggio di emergenza a Hong Kong quando un power bank è esploso riempiendo di fumo la cabina. La compagnia aerea a basso costo Royal Air Filippine stava volando dall'isola di Boracay nelle Filippine a Shanghai in Cina quando il dispositivo elettronico è esploso a mezz'aria lunedì sera, 19 febbraio. 

I vigili del fuoco e i paramedici dell'ambulanza stavano aspettando e sono saliti sull'aereo per effettuare i controlli di sicurezza. Non ci sono stati feriti. Le compagnie aeree consentono di riporre i power bank solo nel bagaglio a mano, non nei bagagli registrati, a causa del rischio di surriscaldamento delle batterie agli ioni di litio e di incendio nella stiva. Esiste anche un limite di capacità di 100 wattora (Wh) o 27.000 mAh con la maggior parte delle compagnie aeree.

venerdì 23 febbraio 2024

Cina, nave mercantile urta un ponte a Guangzhou: 2 morti, numerosi dispersi


In una collisione avvenuta in mare, oggi 22 febbraio, una nave mercantile nel Guangdong, nel sud della Cina, ha speronato un ponte trafficato, provocandone il parziale crollo. Un numero imprecisato di veicoli sono caduti in mare, mentre non si conoscono ancora il numero esatto delle vittime e le cause dell'incidente. Lo hanno riferito le autorità locali sulla piattaforma online Weibo. 

L'agenzia di stampa statale Xinhua ha confermato l'incidente e ha riferito che un numero imprecisato di veicoli è caduto in acqua a seguito dell'impatto. Tuttavia, il numero esatto delle vittime e le cause dell’incidente non sono ancora chiari. La televisione statale cinese ha trasmesso immagini inquietanti del luogo dell'incidente. La clip mostra la nave da carico incastrata tra due pilastri del ponte, con un ampio spazio vuoto nel ponte a due corsie sopra di esso. 

L'immagine di un autobus caduto nella stiva della nave da carico, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è particolarmente spaventosa. Secondo quanto riportato dai media cinesi, a bordo dell'autobus c'era solo l'autista. L'operatore della linea non è riuscito a stabilire un contatto con lui dopo l'incidente.