Visualizzazione post con etichetta Corea del Nord. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Corea del Nord. Mostra tutti i post

venerdì 19 giugno 2020

Corea del Nord: le truppe di Pyongyang nelle aree smilitarizzate

(Ansa)
Notizie dalla Corea del Nord: lo stato ha comunicato il riposizionamento delle sue truppe in due aree smilitarizzate a dispetto degli accordi firmati nel 2018 con Seul e la volontà di ripristinare i posti di guardia rimossi congiuntamente lungo la linea di confine terrestre (Dmz) e di riprendere tutti i tipi di manovre militari anche vicino al 38/o parallelo.

In appena 24 ore i faticosi punti di distensione maturati nei vertici tra il leader Kim Jong-un e il presidente Moon Jae-in, partiti dalla spinta delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang, si sono dissolti. Inoltre, il network statale Kctv ha mostrato le immagini dell'esplosione e dei danni all'edificio costato a Seul oltre 8 milioni di dollari in termini di ristrutturazione. 

lunedì 30 marzo 2020

Corea del Nord: lanciati due missili balistici a corto raggio verso il Mar del Giappone

(Ansa)
In Corea del Nord, nella giornata del 29 marzo 2020, sono stati lanciati due missili balistici a corto raggio verso il Mar del Giappone.
E' l'ipotesi più accreditata dai militari di Seul, secondo cui l'operazione è avvenuta dalla costa orientale di Wonsan alle 6:10 locali (22:10 di sabato in Italia). I vettori hanno coperto una gittata di 230 km e un'altitudine massima di circa 30 km.

"In una situazione in cui il mondo sta avendo difficoltà con la pandemia del Covid-19, si tratta di atti militari inappropriati" ha dichiarato, in una nota, il Comando di stato maggiore sudcoreano.

lunedì 23 marzo 2020

Corea del Nord: Trump ha offerto il suo aiuto per la lotta contro il coronavirus

(Ansa)
"Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha inviato una lettera al leader Kim Jong-un nella quale ha offerto il suo aiuto per la lotta contro il coronavirus e proponendo un piano per spingere i legami fra i due Paesi". 

Per quel che riguarda la notizia, è stata data dall'agenzia di stampa ufficiale nordcoreana Kcna.

domenica 22 marzo 2020

Corea del Nord: lanciati due missili balistici nel Mar del Giappone

(Ansa)
Nella giornata di sabato 21 marzo 2020, la Corea del Nord ha testato due missili balistici a corto raggio verso il Mar del Giappone, l'ultima di operazioni simili tenute dall'inizio di marzo.
E' l'ipotesi avanzata dal Comando di Stato maggiore congiunto sudcoreano: i missili hanno coperto la gittata di 410 km e toccato un'altitudine massima di circa 50 km.

"Si tratta di un'iniziativa molto inappropriata" hanno dichiarato i militari di Seul, in un momento in cui il mondo intero è alle prese con la pandemia del nuovo coronavirus.

martedì 31 dicembre 2019

Corea del Nord. Kim Jong Un: "Ho chiesto misure offensive per proteggere la sicurezza e la sovranità del Paese"

"Ho chiesto ai miei militari e diplomatici di preparare misure offensive non meglio specificate per proteggere la sicurezza e la sovranità del Paese" ha dichiarato il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in vista della scadenza a fine anno dell'ultimatum rivolto agli Stati Uniti affinché modifichino la loro posizione sui negoziati nucleari in stallo "Ho anche analizzato in modo completo e dettagliato i problemi che sorgono negli sforzi per ricostruire la moribonda economia del Nord e ho assegnato compiti per correggere urgentemente la grave situazione dei principali settori industriali. Il Nord perseguirà un nuovo percorso se Washington persisterà con sanzioni e pressioni".

giovedì 19 dicembre 2019

Cina. Shuang: "Cina e Russia vorrebbero allentare le sanzioni contro la Corea del Nord"

"Cina e Russia hanno presentato una proposta di risoluzione all'Onu per allentare le sanzioni contro la Corea del Nord" ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Geng Shuang, in merito a indiscrezioni circolate al Palazzo di Vetro "La Cina sollecita sia Usa e Corea del Nord a proseguire i loro negoziati, sia la ripresa dei negoziati a Sei (che coinvolge le due Coree, Usa, Cina, Russia e Giappone), in stallo da fine 2008, al fine di raggiungere la denuclearizzazione della penisola coreana".

lunedì 16 dicembre 2019

Corea del Nord. Biegun: "Gli Usa non accetteranno l'ultimatum indicato da Pyongyang per sbloccare lo stallo sulla denuclearizzazione"

"Gli Stati Uniti non accetteranno la scadenza negoziale di fine anno indicata da Pyongyang per sbloccare lo stallo sulla denuclearizzazione della penisola e sollecitano il Nord a ritornare ai colloqui" ha dichiarato Stephen Biegun, inviato speciale Usa sul dossier nordcoreano, durante la sua visita a Seul "Le recenti posizioni del Nord sono ostili, negative e inutili. Su questo punto, lasciatemi essere assolutamente chiaro: gli Usa non hanno una scadenza. E' tempo, invece, di portare a termine il nostro lavoro. Siamo pienamente consapevoli del forte potenziale della Corea del Nord nel fare una provocazione primaria nei giorni davanti a noi. A dir poco, un'azione da tale genere sarebbe la più dannosa per raggiungere una pace duratura sulla penisola coreana. Lasciatemi parlare direttamente alle nostri controparti nordcoreane: è tempo per noi di fare il nostro lavoro. Facciamo in modo che succeda. Siamo qui. E voi sapere come raggiungerci. Le ultime azioni del Nord non riflettono lo spirito e i contenuti dei colloqui tra i due Paesi e i loro leader. Gli Usa hanno offerto molti modi creativi per procedere verso accordi equilibrati che soddisfino entrambe le parti". 

martedì 8 ottobre 2019

Corea del Nord. Pyongyang: "Non vogliamo continuare i negoziati sul nucleare salvo che gli Usa non decidano di sospendere l'atteggiamento ostile"

Foto Ansa
"La Corea del Nord assicura di non voler continuare i negoziati sul nucleare salvo che gli Usa non decidano di sospendere l'atteggiamento ostile"  ha dichiarato Pyongyang "Non vi è alcun desiderio di tenere tali nauseanti negoziati come gli attuali a meno che gli Usa prendano misure pratiche e mettano fine alle loro politiche ostili. Il destino del dialogo è nelle mani di Washington e la scadenza è a fine anno".

giovedì 3 ottobre 2019

Corea del Nord. Abe: "Condanno il lancio dei due missili balistici avvenuto il 2 ottobre"

"Condanno il lancio dei due missili balistici avvenuto nella mattina del 2 ottobre 2019, uno dei quali è finito nella zona economica esclusiva del Giappone (Zee), al largo delle coste della prefettura di Shimane" ha dichiarato alla stampa il premier nipponico Shinzo Abe "Il test effettuato da Pyongyang nelle prime ore del mattino di mercoledì, rappresenta una palese violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. Il governo di Tokyo collaborerà con gli Stati Uniti e la comunità internazionale per garantire la sicurezza dei cittadini giapponesi".

venerdì 2 agosto 2019

Corea del Nord: l'ex ambasciatore Jo Song-gil ha lasciato l'Italia

L'ex ambasciatore della Corea del Nord a Roma sparito lo scorso anno Jo Song-gil ha lasciato l'Italia ed è sotto protezione: a dichiararlo l'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, citando lo spionaggio di Seul.
Jo ha abbandonato il suo posto di incaricato d'affari nordcoreano presso l'ambasciata di Pyongyang a Roma lo scorso novembre ed è scomparso con sua moglie in quella che è sembrata essere una ricerca di asilo politico.
"Ha lasciato l'Italia ed è protetto da qualche parte" ha dichiarato Lee Eun-jae del partito di opposizione sudcoreano Liberty Korea.

giovedì 1 agosto 2019

Corea del Nord: lanciati altri due missili dalla sua costa orientale

Foto Ansa
Nella giornata di martedì 30 luglio la Corea del Nord ha lanciato altri due missili non identificati dalla sua costa orientale. A renderlo noto le autorità sudcoreane.
Per quel che riguarda il lancio avviene a meno di una settimana da quello di due razzi a corto raggio, apparentemente di nuova progettazione, caduti nel Mar del Giappone dopo aver volato ad una altezza di 50 km, rispettivamente per 430 e 690 km.

venerdì 5 luglio 2019

Corea del Nord: "Gli Usa sono determinati ad atti ostili"

"La Corea del Nord ha accusato gli Stati Uniti di essere determinati ad atti ostili, nonostante un recente accordo tra i due Paesi per riprendere i colloqui sul nucleare" si legge nella nota della Bbc "la delegazione di Pyongyang all'Onu sostiene che gli Usa sono ossessionati dalle sanzioni e ha accusato Washington di tentare di minare l'atmosfera pacifica nella penisola coreana". 
Per quel che riguarda le dichiarazioni, giungono a pochi giorni dallo storico incontro al confine tra le due Coree fra il presidente Usa, Donald Trump, e il leader coreano Kim Jong-un. I due leader hanno concordato di riprendere i negoziati in stallo sulla denuclearizzazione. Ma l'ultimo sviluppo segna un ritorno alle tensioni che hanno rovinato le relazioni tra i due Paesi negli ultimi tempi.

lunedì 1 luglio 2019

Trump: "Nell'arco di 2-3 settimane si riavvieranno i colloqui sul nucleare con la Corea del Nord"

"Nell'arco di 2-3 settimane si riavvieranno i colloqui sul nucleare con la Corea del Nord, non appena saranno formati i team negoziali operativi" ha dichiarato il presidente americano, Donald Trump, ai media nella Freedom House, l'edificio dove ha tenuto il bilaterale con il leader nordcoreano Kim Jong-un "Non è importante la velocità. Quello che importa è avere un accordo ampio. Delle sanzioni, che restano attualmente in vigore, a un certo punto parleremo durante i negoziati".

giovedì 27 giugno 2019

Usa e Corea del Nord lavorano per un terzo vertice bilaterale tra Trump e Kim Jong-un

Gli Usa e la Corea del Nord lavorano, a colloqui dietro le quinte, per un terzo vertice bilaterale tra Donald Trump e Kim Jong-un, col processo di pace sulla penisola coreana che fa solidi progressi.
"Le due parti sono impegnate nel dialogo relativo a un terzo summit" ha dichiarato il presidente sudcoreano Moon Jae-in in un'intervista scritta alla Yohnap e ad altri media internazionali "I colloqui dietro le quinte sono andati avanti sulla base della reciproca comprensione delle rispettive posizioni tra i due leader".

lunedì 24 giugno 2019

Corea del Nord: Kim Jong-un ha ricevuto una lettera eccellente dal presidente Trump

Grandi notizie in Corea del Nord: l'agenzia di stampa Kcna ha riferito che il leader Kim Jong-un ha ricevuto una lettera "dal contenuto eccellente" dal presidente americano Donald Trump. 
"Apprezzando la capacità di giudizio politica e lo straordinario coraggio del presidente Trump, Kim Jong-un ha detto che valuterà seriamente il contenuto interessante" della missiva. 
Per quel che riguarda il dialogo tra Kim e Trump sulla denuclearizzazione della penisola coreana è fermo dall'ultimo incontro in Vietnam dello scorso febbraio.

venerdì 21 giugno 2019

Corea del Nord: prodotte circa una dozzina di nuove testate atomiche nel 2018

La Corea del Nord ha prodotto una dozzina circa di nuove testate atomiche nel 2018: è quanto ha dichiarato un rapporto diffuso dallo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri). Il think tank svedese ipotizza che Pyongyang possieda in totale 20-30 testate nucleari nel calcolo a gennaio 2019, con un aumento di circa 10 pezzi nell'ultimo anno. 
"Il Nord continua a dare priorità ai suoi programmi militari atomici quale parte centrale delle sue strategie sulla sicurezza nazionale, anche se nel 2018 ha annunciato una moratoria sui test atomici e sui lanci di missili a medio e lungo raggio" ha dichiarato il Sipri che valuta nel mondo un totale di 13.864 ordigni nucleari, in calo di 601 unità su base annua. 

lunedì 3 giugno 2019

Usa. Shanahan: "La Corea del Nord rimane una straordinaria minaccia"

"Gli Usa ritengono che la Corea del Nord rimanga una straordinaria minaccia, mantenendo l'impegno per gli sforzi sulla denuclearizzazione della penisola coreana" ha dichiarato il capo del Pentagono Patrick Shanahan, parlando allo Shangri-La Dialogue di Singapore.

"Il Nord s'è avvicinato al punto in cui potrebbe raggiungere in modo credibile gli alleati regionali, il territorio degli Stati Uniti e le nostre forze schierate più avanzate. Riconosco alla Cina la cooperazione nel far rispettare le sanzioni Onu contro Pyongyang".

sabato 4 maggio 2019

Corea del Nord: si rischia una grave crisi alimentare

Brutte notizie per la Corea del Nord: si rischia una grave crisi alimentare, poiché si necessita di 1,36 milioni di tonnellate di cereali nel 2019 per compensare l'attuale carenza. A rivelarlo è la stima del rapporto delle agenzie dell'Onu Pam e Fao, fatto sulle rilevazioni dal 29 marzo al 12 aprile. 
Pyongyang si ritiene abbia raccolto nel 2018 cereali per 4,9 milioni di tonnellate, il livello più basso dal 2008, dovendo importare 1,59 milioni di tonnellate per rispondere alla domanda della popolazione. Finora 200.000 tonnellate sono giunte dall'estero e altre 21.200 dall'assistenza alimentare internazionale: il deficit è, quindi, al livello elevato di 1,36 milioni.
Il rapporto valuta in 10,1 milioni (40% della popolazione) le persone che richiedono "assistenza alimentare" e le prospettive sui raccolti non sono buone. A febbraio, l'ambasciatore nordcoreano all'Onu, Kim Song, ha chiesto assistenza alimentare d'urgenza.

mercoledì 24 aprile 2019

Kim Jong-Un: attesa la sua visita in Russia dal presidente Putin

Novità nella Corea del Nord: il leader nordcoreano Kim Jong-Un visiterà la Russia e incontrerà il presidente Vladimir Putin. A dichiararlo l'agenzia di Stato Kcna. Kim si recherà presto in visita nella federazione russa su invito di Putin. 
Per quel che riguarda la Russia, è fortemente interessata ad avere accesso alle risorse minerali della Corea del Nord, che possiede, fra l'altro alcuni metalli rari. Pyongyang, da parte sua, ha bisogno di elettricità dalla Russia e intende attrarre investimenti da quel Paese per modernizzare i suoi impianti industriali di epoca sovietica, le ferrovie e altre infrastrutture. 

martedì 9 aprile 2019

Addio al patron della Korean Air, Cho Yang-ho

LOS ANGELES. Lutto nel mondo asiatico: è morto giovedì 7 aprile, all'età di 70 anni il patron e presidente della Korean Air, Cho Yang-ho. A renderlo noto la stessa compagnia aerea, una delle principali in Asia, senza fornire dettagli oltre al fatto che Cho è deceduto in un ospedale di Los Angeles.
La sua leadership è stata oscurata da numerosi scandali familiari, incluso il noto incidente che ebbe come protagonista una delle sue figlie e oggi conosciuto come la 'rabbia delle noccioline'. Lo stesso Cho, che era sotto processo per corruzione, era stato cacciato dal consiglio di amministrazione lo scorso marzo.