Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

venerdì 22 ottobre 2021

Biden: "Gli Stati Uniti difenderanno Taiwan da un eventuale aggressione della Cina"

(Ansa)

"Gli Stati Uniti difenderanno Taiwan da un eventuale aggressione della Cina" ha dichiarato il presidente americano Joe Biden durante un dibattito trasmesso sulla Cnn.

"Abbiamo un impegno su questo. Gli Usa hanno preso un sacro impegno per quel che riguarda la difesa degli alleati della Nato in Canada e in Europa e vale lo stesso per il Giappone, per la Corea del Sud e per Taiwan" ha dichiarato ancora Biden a proposito della difesa di Taipei dalle eventuali aggressioni di Pechino.

lunedì 18 ottobre 2021

Cina: "Era un veicolo spaziale quello ritenuto un missile ipersonico"

(Ansa)

In Cina, quello che era stato ritenuto un missile ipersonico, era in realtà un veicolo spaziale. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, in risposta a quanto riportato dal Financial Times su un sospetto test effettuato nello scorso agosto che aveva allarmato l'intelligence degli Stati Uniti.

Zhao ha affermato che si è trattato di "un test di routine volto a verificare la tecnologia riutilizzabile di un veicolo spaziale, un esperimento di grande importanza per ridurne i costi". E che può fornire, ha aggiunto Zhao nel briefing quotidiano, "un modo conveniente ed economico per un uso pacifico dello spazio".

giovedì 14 ottobre 2021

Turchia: in arrivo una delegazione del governo ad interim formato dai Talebani

(Ansa)

In Turchia sta per arrivare una delegazione del governo ad interim formato dai Talebani: ad annunciarlo su Twitter il portavoce del ministero degli Esteri di Kabul Abdul Qahar Balkhi e lo fa sapere anche l'emittente privata afgana Tolo News. La notizia non è stata confermata dal ministero degli Esteri di Ankara.

Secondo il portavoce talebano, una delegazione guidata dal ministro degli Esteri del governo ad interim Amir Khan Muttaqi sarebbe diretta in Turchia dopo un "invito ufficiale da parte del ministro degli Esteri turco".
Nel comunicato, però, il nome menzionato non è quello dell'attuale ministro Mevlut Cavusoglu ma è indicato Ahmet Davutoglu, ex ministro degli Esteri e in passato tra i più importanti membri dell'attuale partito di governo Akp ma oggi alla guida di un piccolo partito di opposizione (Gelecek Partisi) dopo avere rotto i rapporti con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a partire dal 2015.
Il ministro degli Esteri turco Cavusoglu aveva annunciato nei giorni scorsi che si sarebbe presto recato in Afghanistan per una visita ufficiale.

mercoledì 13 ottobre 2021

India: "Il G20 rinunci ai brevetti per assicurare un accesso equo ai vaccini"

(Ansa)

"L'India chiede al G20 di rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale per motivi umanitari per assicurare un accesso equo ai vaccini e di smantellare le nuove barriere commerciali, come la differenziazione tra i diversi vaccini o i passaporti Covid ai fine di garantire la fornitura di servizi essenziali".

A dichiararlo è l'Hindustan Times citando l'intervento del ministro per il Commercio indiano Piyush Goyal al G20 di Sorrento.

lunedì 11 ottobre 2021

Cina: "La ricerca dell'indipendenza di Taiwan chiude la porta al dialogo"

(Ansa)

"La ricerca dell'indipendenza chiude la porta al dialogo": ha dichiarato così l'Ufficio per gli Affari con Taiwan del governo cinese il quale ha respinto l'offerta di colloqui della presidente Tsai Ing-wen che, in occasione della Festa Nazionale, ha detto anche che l'isola rafforzerà le sue difese in modo che nessuno possa costringerla ad accettare il percorso tracciato dalla Cina privo di libertà e democrazia.

"Il discorso della leader regionale di Taiwan ha sostenuto secessionismo e fatti distorti, appellandosi al pubblico in nome di consenso e solidarietà, mentre è in collusione con forze straniere per cercare la secessione" recita una nota.

domenica 10 ottobre 2021

Singapore: saranno accolti i viaggiatori provenienti da nove Paesi inclusa l'Italia

(Ansa)

Una bella notizia per Singapore: si prepara, infatti, ad accogliere i viaggiatori provenienti da nove Paesi, inclusa l'Italia, senza l'obbligo di quarantena all'arrivo, a patto che siano vaccinati contro il coronavirus. Ad annunciarlo il premier Lee Hsien Loong sottolineando che è giunta l'ora di premere sull'acceleratore della "strategia della convivenza con il Covid-19". Lo riporta la Bbc.

Il premier ha spiegato che i cosiddetti corridoi di viaggio con la Germania e il Brunei per le persone vaccinate introdotti il mese scorso hanno funzionato e quindi verranno estesi a un primo gruppo di otto Paesi dal 13 ottobre e alla Corea del Sud da novembre. Oltre all'Italia, nel primo gruppo ci sono il Canada, la Danimarca, la Francia, l'Olanda, la Spagna, gli Stati Uniti e il Regno Unito.

sabato 9 ottobre 2021

Xi Jinping: "Taiwan è una questione interna alla Cina e non ammette interferenze esterne"

(Ansa)

"Taiwan è una questione interna alla Cina e non ammette interferenze esterne" ha dichiarato il presidente Xi Jinping, alle celebrazioni per i 110 anni dalla Rivoluzione del 1911 "la questione è nata dalla debolezza e dal caos della nazione cinese".

"Il secessionismo di Taiwan è il più grande ostacolo alla riunificazione nazionale, una seria minaccia al ringiovanimento nazionale. Chiunque voglia tradire e separare il Paese sarà giudicato dalla storia e non farà una buona fine", ha aggiunto Xi, assicurando con toni perentori che "la riunificazione completa del nostro Paese ci sarà e potrà essere realizzata".
La soluzione di Taiwan "è determinata dalla tendenza generale della storia cinese, ma, cosa più importante, è la volontà comune di tutto il popolo cinese. La riunificazione nazionale con mezzi pacifici serve al meglio gli interessi della nazione cinese nel suo insieme, compresi i connazionali di Taiwan", ha detto Xi. "I compatrioti su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan dovrebbero stare dalla parte giusta della storia e unire le mani per ottenere la completa riunificazione della Cina e il ringiovanimento della nazione cinese", ma coloro che dimenticano la loro eredità, "tradiscono la loro madrepatria e cercano di dividere il paese, non avranno una buona fine", ha proseguito Xi, aggiungendo che saranno disprezzati dalla gente e condannati dalla storia. "Nessuno dovrebbe sottovalutare la determinazione, la volontà e la capacità del popolo cinese nel salvaguardare la sovranità e l'integrità territoriale", ha messo in guardia il presidente.  

venerdì 8 ottobre 2021

Tokyo: registrato un forte terremoto di magnitudo 6.1

(Ansa)

A Tokyo un forte terremoto di magnitudo 6.1 è stato registrato alle 22.41 locali (15.42 in Italia) con epicentro nella prefettura di Chiba, a est della capitale. A renderlo noto la Japan meteorological agency (Jma) che non ha lanciato alcun allarme tsunami, misurando poi l'intensità della scossa in 5 sulla scala nipponica di misurazione massima di 7 livelli.

Al momento, secondo la tv pubblica Nhk, non risultano notizie di danni a persone o cose. I servizi dei treni superveloci Shinkansen sono stati sospesi.

giovedì 7 ottobre 2021

Pakistan: sale a 20 morti e 300 feriti il bilancio del terremoto

(Ansa)

In Pakistan è salito ad almeno 20 morti e circa 300 feriti il bilancio delle vittime del terremoto di magnitudo 6 che nella notte ha colpito la provincia del Belucistan, secondo l'Autorità provinciale per la gestione dei disastri.

La zona più devastata dal sisma è quella del distretto di Harnai, dove sono morte 15 persone e più di 100 sono rimaste ferite.

mercoledì 6 ottobre 2021

Egitto: la battaglia navale di Ras Beyron


LAMIAA MAHMOUD
- In occasione della celebrazione egiziana del 48° anniversario delle vittorie della guerra del 6 ottobre 1973, il gruppo rivela 73 storici. E il suo fondatore, il professor Ahmed Zayed Al-Hijab, a proposito di un nuovo campionato dell'esercito egiziano, e poiché il nostro esercito ha una storia che merita di essere raccontata, che è stato e resterà nel tempo il primo maestro degli eserciti del mondo, ma piuttosto il padre degli eserciti.

Il gruppo presenta 73 storici di una nuova battaglia delle forze navali egiziane, nota come battaglia navale di Ras Beyrun. Nella regione di East Port Said, cioè a metà strada tra Port Said e Al-Arish, in una zona chiamata Ras Beyrun, in cima al lago Bardawil. ( Sinai del Nord )
Questa battaglia non è stata dichiarata dal nemico israeliano, che è noto per la sua abilità nell'inganno e nella distorsione, e che fino ad ora non ha osato annunciare le sue perdite in questa battaglia.
Il capitano Saleh Jalal Hijazi, uno degli eroi delle forze navali, ci racconta che la costa di Ras Beyron fu bombardata la notte del 6 ottobre, cioè circa 8 ore dopo che le nostre forze di terra avevano preso d'assalto i forti di Bar Lev Linea, che è un punto nemico con un'area di affari amministrativi, un ospedale da campo, un negozio di forniture, 2 compagnie di fanteria, una compagnia Nahal, una compagnia di carri armati israeliani e un plotone di artiglieria israeliano calibro 175 mm, e per l'impossibilità di effettuare l'operazione con cacciatorpediniere, furono impartiti ordini di eseguire l'operazione con piccole unità e di bombardarli via mare, quindi furono sviluppate e modernizzate le 206 torpediniere, che trasportano 4 siluri tubi, e questi tubi sono stati sostituiti con lanciatori.

Il bombardamento della zona di Ras Biron

Conosciuti anche come missili Al-Grad, ogni lanciatore trasporta 40 missili BM-21. Un missile, portando il totale a 80 missili, con l'aiuto del Dipartimento di Ingegneria della Marina egiziana, delle principali officine, della 1a Brigata, dei lanciatori e degli ingegneri egiziani.
In considerazione dell'importanza di questa operazione, il Maggiore Generale El-Gamasi, Direttore del Dipartimento Operazioni delle Forze Armate, ha assistito personalmente in quel momento al lancio di prova e all'esperimento ad Alessandria d'Egitto.
La partenza è avvenuta un'ora prima del tramonto, e il morale delle nostre forze era molto alto, e abbiamo continuato a navigare fino al punto di cambiare traffico e fino a quando la distanza di fuoco era di circa 21 km, e il punto di impatto è stato raggiunto e sono stati colpiti 80 missili in circa 40 secondi.

L’Itinerario di ritorno e lo scontro navale

Un missile ci viene lanciato contro e le pistole del nemico hanno cercato di inseguirci e siamo stati in grado di schivarli brillantemente, e siamo riusciti a fuggire e siamo tornati sani e salvi ad Alessandria.
E il capitano Saleh Jalal Hijazi ha confermato durante l'attraversamento delle nostre forze armate e l'assalto della linea Bar Lev lungo il fronte che a questo punto era necessaria un'operazione, e la dichiarazione rilasciata dalle forze armate è stata emessa dall'ala sinistra .
Ha anche aggiunto che allo stsso tempo dell'operazione, un gruppo del Mar Rosso stava scavando l'ingresso del Canale di Suez, e c'era anche un gruppo di rane che stava distruggendo la base petrolifera di Balaim, e allo stesso tempo, la flotta del Mar Rosso era chiudendo Bab al-Mandab e le immersioni erano alla latitudine Chiudi la porta del Mar Rosso.
Questa operazione ha portato al successo del lanciasiluri della formazione d'attacco 202, che ha bombardato l'area di Ras Biron con 80 missili BM-21.
Inoltre, un elicottero israeliano è stato abbattuto da uno dei lanciamissili durante lo scontro con la formazione in attacco e il gruppo tattico incaricato di garantire l'itinerario del gruppo d'attacco, e sono stati distrutti anche 2 lanciatori di classe prezzo della marina israeliana. E la distruzione di un lanciamissili del gruppo tattico incaricato di garantire il ritiro della sorprendente formazione navale egiziana, guidata dal martire capitano Mahmoud Hafez.

lunedì 4 ottobre 2021

India: almeno 8 le vittime di violenti scontri tra contadini e polizia nell'Uttar Pradesh

(Ansa)

In India sono almeno otto le vittime di violenti scontri scoppiati ieri, nel tardo pomeriggio, tra contadini e polizia a Lakhimpur Kheri, nello Stato dell'Uttar Pradesh. I manifestanti si erano riuniti in occasione di una visita del ministro degli Interni dello Stato, Ajay Mishra e del suo sottosegretario Keshav Prasad Maurya.

Secondo le ricostruzioni dei media,il caos è scoppiato quando il convoglio su cui viaggiavano i politici è passato in mezzo alla folla: le organizzazioni dei contadini affermano che il figlio del ministro, alla guida di una delle auto, ha volutamente travolto i contadini, che cercavano di sbarrargli la strada.
Pochi minuti dopo l'incidente sono partite le violenze: numerose auto sono state date alle fiamme e 4 persone sono morte negli scontri tra manifestanti, forze dell'ordine e militanti del Bjp, il partito del ministro. La Polizia informa che il figlio di Ajay Mishra, che nega ogni responsabilità e sostiene di essere stato aggredito, è stato denunciato con altri cinque. il governatore Yogi Adityanath ha definito l'accaduto "molto triste" e ha twittato un appello alla calma: "prima di giungere a conclusioni, attendiamo i risultati dell'indagine e le decisioni dei magistrati" ha scritto.

venerdì 1 ottobre 2021

India: lanciato il numero verde per la terza età

(Ansa)

In India è stato lanciato il numero verde per la terza età: il 14567, detto Elder Line, il primo numero gratuito utilizzabile in tutto il paese sarà attivo da domani. Il governo, che lo ha presentato e finanziato, spiega di voler offrire con questo Telefono Azzurro per anziani, una piattaforma di informazioni e sostegno per i cittadini più fragili e per le persone che li affiancano.

Gli addetti che risponderanno sette giorni su sette, dalle 8 alle 20 alle chiamate sul numero facilmente memorizzabile, saranno in grado di rispondere su problemi legali, pensioni, questioni burocratiche, ma non solo: la linea offrirà consulenza psicologica e assistenza immediata, nel caso di denunce di abusi. L'iniziativa è stata finanziata da Tata Trusts e dalla fondazione del National Stock Exchange (NSE), che offrono supporto tecnico al ministero della Giustizia sociale, che ha adottato il progetto, sull'esperienza positiva di iniziative analoghe già in corso in 17 stati indiani.

giovedì 30 settembre 2021

Afghanistan: i talebani annunciano conseguenze sugli Usa se continuano le operazioni con i droni

(Ansa)

In Afghanistan i Talebani hanno lanciato un monito agli Stati Uniti, affermando che le loro "continue operazioni" con i droni in territorio afghano costituiscono una violazione degli accordi di Doha del 2020 sul ritiro americano, e che se i voli dei droni continueranno ci saranno "conseguenze". Lo hanno dichiarato, in una nota su Twitter, alcuni 'studenti del Corano' al potere a Kabul citata da Al Jazeera.

"Gli Usa" si legge "hanno violato tutte le leggi internazionali e i loro stessi impegni dichiarati ai Talebani a Doha, in Qatar, con queste operazioni di droni in Afghanistan.Facciamo appello a tutti i Paesi, e specialmente agli Stati Uniti, di trattare l'Afghanistan nel rispetto del diritto internazionale, delle leggi e degli impegni... al fine di evitare conseguenze negative".

mercoledì 29 settembre 2021

Giappone: l'ex ministro Fumio Kishida è il nuovo leader dei conservatori

(Ansa)

In Giappone l'ex ministro degli Esteri Fumio Kishida ha battuto a sorpresa il favorito Taro Kono, responsabile della campagna vaccinale, diventando il presidente del partito conservatore (Ldp), e candidandosi alla successione dell'attuale premier Yoshihide Suga. L'Ldp ha la maggioranza in entrambe le camere e il nuovo capo dell'esecutivo sarà annunciato lunedì.

Il 73enne Suga aveva deciso di farsi da parte dopo appena un anno prendendo atto dei consensi a picco per la gestione della pandemia. Il 64enne Kishida è considerato affidabile anche se di scarso carisma. Si è impegnato a spendere molto per rilanciare il paese.

sabato 25 settembre 2021

Hong Kong: si scioglie l'Alleanza del gruppo veglia di Tienanmen

(Ansa)

Ad Hong Kong l'Alleanza, il gruppo di attivisti che per trenta anni ha organizzato nell'ex colonia britannica la veglia annuale del 4 giugno in ricordo della violenta repressione di Piazza Tienanmen, ha deciso lo scioglimento, dopo essere finita nel mirino delle autorità locali. La risoluzione è passata con 41 voti a favore e 4 contrari.

"Questo è uno scioglimento molto doloroso" ha commentato Tsang Kin-shing, uno dei componenti del gruppo.

giovedì 23 settembre 2021

New Delhi: proclamato uno sciopero nazionale degli agricoltori per il 27 settembre

(Ansa)

A New Delhi, a 300 giorni dall'avvio della protesta degli agricoltori contro la riforma del commercio agricolo approvata un anno fa dal governo, il Samyukt Kisan Morcha (Skm) - il Fronte unito degli agricoltori che raggruppa 40 sigle sindacali - ha proclamato uno sciopero nazionale per il 27 settembre. L'adesione alla serrata, che minaccia di bloccare l'intero Paese, sarà particolarmente alta negli stati del Punjab, Haryana, Rajasthan e Uttar Pradesh, dove numerosi gruppi, inclusi sindacati di varie altre categorie, hanno già annunciato la partecipazione.

Oltre a loro, aderiranno anche i partiti di opposizione, come il Congresso. Si prevede una giornata di gravi problemi per i trasporti pubblici e sulle autostrade nazionali, che i manifestanti bloccheranno ovunque con sit-in. Le due più recenti mobilitazioni dei contadini contro le tre leggi di riforma del commercio agricolo si sono tenute il 28 agosto in Haryana, con violenti scontri tra manifestanti e polizia, e il 5 settembre, in Uttar Pradesh.
Ma i centri nevralgici della lotta, una delle più accese nella storia dell'India indipendente, sono sempre gli accampamenti, allestiti nel novembre del 2020 accanto ai principali ingressi autostradali della capitale, ai confini con gli stati di Punjab e Haryana; in questi megacampi, alcune migliaia di agricoltori hanno resistito ininterrottamente, anche se il Covid ha ridotto il numero iniziale delle presenze.
I contadini sostengono che le leggi, che liberalizzano il mercato, li lasceranno in balia dei grandi gruppi privati, che detteranno le condizioni per l'acquisto dei loro prodotti, e chiedono il ripristino del Prezzo minimo garantito, la tutela statale che per decenni ha garantito un reddito fisso ai produttori.

martedì 21 settembre 2021

Afghanistan: iniziate le attività per la cerimonia di insediamento del governo dei Talebani

(Ansa)

In Afghanistan, dopo giorni di rinvii, sono iniziate a Kabul le attività preparatorie per l'organizzazione della cerimonia di insediamento del governo dei Talebani in Afghanistan. Lo ha dichiarato la Afghan Islamic Press.

Una commissione speciale è stata formata per preparare l'evento, secondo quanto dichiarato dal responsabile designato degli Affari amministrativi, Mawlawi Ahmed Jan Ahmed.
L'insediamento dell'esecutivo ad interim dei sedicenti studenti coranici, la cui composizione è stata annunciata due settimane fa, è stato posticipato tra l'altro per l'assenza del vicepremier Abdul Ghani Baradar. Secondo fonti degli stessi mullah, Baradar è rientrato oggi a Kabul dopo giorni di misteriosa assenza dalla scena pubblica, in cui si era ritirato nella sua roccaforte di Kandahar dopo un presunto scontro - negato a livello ufficiale - con la rete Haqqani all'interno della leadership talebana.

venerdì 17 settembre 2021

Afghanistan: si è tenuta la prima riunione di gabinetto del governo dei Talebani

(Ansa)

In Afghanistan si è tenuta, al Palazzo presidenziale di Kabul, la prima riunione di gabinetto del governo dei Talebani, dopo giorni di rinvii per i presunti dissidi interni al gruppo jihadista. Lo ha dichiarato l'agenzia Afghan Islamic Press, secondo cui durante la riunione, presieduta dal primo ministro dell'Emirato islamico, mullah Mohammad Hasan Akhund, è stata discussa la situazione della sicurezza, politica ed economica del Paese.

Tra le altre decisioni assunte dall'esecutivo ad interim, riferisce l'agenzia statale Bakhtar, c'è lo sblocco degli aiuti umanitari e la revoca delle restrizioni alle telecomunicazioni nel Panshir, la provincia settentrionale dove si è concentrata la resistenza contro i mullah.

giovedì 16 settembre 2021

Cina: criticato l'accordo Usa-Australia sui sottomarini nucleari

(Ansa)

In Cina è stato duramente criticato l'accordo Usa-Australia sui sottomarini nucleari, nell'ambito della nuova partnership tra Usa, Gran Bretagna e Australia annunciata dal presidente americano Joe Biden "per affrontare il XXI secolo e le sue minacce", definendolo "estremamente irresponsabile".

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha aggiunto che l'iniziativa colpisce anche "gli sforzi di non proliferazione a livello internazionale".

mercoledì 15 settembre 2021

Ursula von der Leyen: "100 milioni di euro in più di aiuti per l'Afghanistan"

(Ansa)

"Stiamo al fianco degli afghani. Dobbiamo fare di tutto per evitare il rischio di una grande carestia e di un disastro umanitario" ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

"Per questo aumenteremo il nostro aiuto umanitario per l'Afghanistan di 100 milioni di euro, parte di un nuovo pacchetto di sostegno per l'Afghanistan" ha dichiarato ancora Ursula von der Leyen.