Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

sabato 10 aprile 2021

Giappone: il governo pronto a introdurre nuove restrizioni nella capitale Tokyo

(Ansa)

In Giappone il governo è pronto a introdurre nuove restrizioni nella capitale Tokyo per fronteggiare la recente ascesa dei contagi di Covid e il ritorno in sofferenza del sistema ospedaliero. Lo ha dichiarato il premier, Yoshihide Suga, a distanza di tre settimane dal termine dell'ultimo stato di emergenza, e mentre la capitale registra il maggior numero di positività da metà febbraio, una dinamica che, sebbene a livelli più contenuti rispetto agli standard europei, continua a preoccupare le autorità in vista delle Olimpiadi di questa estate.

Tokyo ha segnalato 545 infezioni nelle ultime 24 ore, e le nuove misure dovrebbero entrare in vigore dal prossimo lunedì nei 23 comuni della metropoli, con una durata di un mese, fino all'11 maggio, anticipano i media nipponici, con la possibile inclusione delle prefetture di Kyoto e Okinawa.
Dopo aver incontrato Suga, la governatrice di Tokyo, Yuriko Koike, ha detto il piano di 'quasi-emergenza' dovrebbe coprire anche il periodo di festività nazionale della Golden Week, la prima settimana di maggio, che è uno dei periodi nel quale si registrano i maggiori spostamenti della popolazione.
La revisione delle misure che verranno adottate a Tokyo prevede sanzioni ai ristoranti e ai bar che non si adegueranno alla richiesta di chiusure serali anticipate, e maggiori poteri ai governatori per provvedimenti specifici.

lunedì 22 marzo 2021

Cina: in arrivo le sanzioni contro parlamentari ed entità dell'Ue

(Ansa)

"La Cina si oppone e condanna con forza le sanzioni unilaterali decise oggi dall'Ue a carico di persone ed entità cinesi rilevanti, citando le cosiddette questioni relative ai diritti umani nello Xinjiang": a parlare è il ministero degli Esteri, il quale annuncia che Pechino ha varato a sua volta sanzioni contro "10 persone e 4 entità dell'Ue che danneggiano gravemente la sovranità e gli interessi della Cina e diffondono maliziosamente menzogne e disinformazione".

Tra i sanzionati Reinhard Butikofer, Michael Gahler, Raphaël Glucksmann, Ilhan Kyuchyuk e Miriam Lexmann del Parlamento europeo.

domenica 21 marzo 2021

Thailandia: scontri tra polizia e manifestanti per chiedere riforme alla monarchia

(Ansa)

In Thailandia la polizia ha usato cannoni ad acqua e proiettili di gomma fuori dal Grand Palace di Bangkok, dopo che dei manifestanti hanno sfondato una barricata di container nel corso di una protesta per chiedere riforme alla monarchia. I disordini nella capitale thailandese si susseguono sin da quando il movimento pro-democrazia ha preso il via, lo scorso luglio, sollevando richieste per una revisione dell'amministrazione del premier Prayut Chan-O-Cha e una riscrittura della Costituzione.

Le richieste più controverse comprendono anche una riforma della monarchia, tra cui l'abolizione delle leggi draconiane sulla diffamazione reale.
A Sanam Luang, un campo storico di fronte al palazzo, era stato eretto un muro di container, con due file una sull'altra, per tenere i manifestanti a distanza, ma un'ora dall'inizio del raduno, alcuni di essi hanno usato delle corde per abbattere parte della fila superiore, consentendo una piccola apertura. I manifestanti che sono riusciti a passare hanno poi lanciato bottiglie molotov a decine di poliziotti schierati davanti ai camion con i cannoni ad acqua, a circa 100 metri di distanza, che a questo punto sono intervenuti per impedire ai manifestanti di avvicinarsi. La polizia ha poi inseguito i manifestanti lontano dall'area, sparando proiettili di gomma e gas lacrimogeni.

venerdì 5 febbraio 2021

Birmania: la leader Aung San Suu Kyi trasferita ai domiciliari ed è in buona salute

(Ansa)

"In Birmania la leader Aung San Suu Kyi è stata trasferita ai domiciliari ed è "in buona salute": ha dichiarato il suo partito, la Lega nazionale per la democrazia.

Per quel che riguarda Suu Kyi, era stata arrestata il primo febbraio nell'ambito di un colpo di Stato militare. Il premio Nobel per la pace è ai domiciliari nella sua casa della capitale della Birmania, Naypyidaw, ha precisato il portavoce Kyi Tore. Aung San Suu Kyi è stata accusata ufficialmente di aver infranto una regola commerciale nell'acquisto di walkie talkie all'estero.

lunedì 25 gennaio 2021

Zhao: "C'è solo una Cina al mondo e Taiwan è parte inalienabile del territorio cinese"

(Ansa)

"La posizione di Pechino su Taiwan è coerente e chiara: c'è solo una Cina al mondo e Taiwan è parte inalienabile del territorio cinese" ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian all'indomani della nota del Dipartimento di Stato Usa che ha definito "solidissimo" l'impegno verso Taipei, tanto da ammonire che "il tentativo di intimidire" l'isola da parte di Pechino è una minaccia alla pace regionale, in risposta a vari jet e bombardieri cinesi entrati nella zona di difesa aerea taiwanese.

"La Cina è ferma nell'opporsi risolutamente all'indipendenza di Taiwan e alle interferenze di forze esterne" ha dichiarato ancora Zhao.

mercoledì 23 dicembre 2020

Borrell: "L'Ue ha chiesto alla Cina il rilascio immediato degli attivisti dei diritti umani"

(Ansa)

"L'Ue ha chiesto alla Cina il rilascio immediato di Li Yuhan, nonché di altri avvocati per i diritti umani detenuti e condannati e di altri difensori dei diritti umani, tra cui Yu Wensheng, Huang Qi, Ge Jueping, Qin Yongmin, Gao Zhisheng, Ilham Tohti, Tashi Wangchuk, Wu Gan e Liu Feiyue" ha dichiarato, in una nota, l'Alto rappresentante Ue Josep Borrell.

"Abbiamo chiesto a Pechino di rispettare le leggi internazionali sui diritti umani e il diritto processuale penale cinese che accorda agli imputati il diritto di essere assistiti da un avvocato di loro scelta, nonché a un giusto processo senza indebito ritardo" ha dichiarato ancora Josep Borrell.

sabato 28 novembre 2020

Iran. Rohani: "Israele 'mercenario' degli Stati Uniti sull'omicidio dello scienziato Mohsen Fakhrizadeh"

(Ansa)

In Iran il presidente Hassan Rohani ha accusato l'acerrimo nemico Israele di agire come un "mercenario" degli Stati Uniti assassinando a Teheran uno degli scienziati di punta del programma nucleare dell'Iran.

"Ancora una volta, le mani malvagie dell'arroganza globale, con il regime usurpatore sionista come mercenario, sono macchiate con il sangue di un figlio di questa nazione" ha scritto Rohani sul suo sito ufficiale riferendosi all'omicidio di Mohsen Fakhrizadeh.

lunedì 16 novembre 2020

Cina: firmato con 14 paesi il RCEP, l'accordo di libero scambio al mondo

(Ansa)

Novità in Cina: quindici paesi dell'Asia-Pacifico hanno firmato il più grande accordo di libero scambio al mondo, visto come un'occasione per la Cina stessa di estendere la sua influenza. Il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) include le 10 economie dell'Asean insieme a Cina, Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Australia, rappresentando il 30% circa del Pil globale.

Proposto per la prima volta nel 2012, l'accordo è stato siglato alla fine di un vertice dei Paesi del sudest asiatico, con diversi leader impegnati a risollevare le economie colpite dalla pandemia del Covid-19.

sabato 24 ottobre 2020

Cina. Xi Jinping: "Dobbiamo accelerare la realizzazione della Difesa nazionale e modernizzazione militare"

(Ansa)

In Cina il presidente Xi Jinping lancia un duro monito ai potenziali "invasori" sulla fermezza militare, in contemporanea al dibattito tra Donald Trump e Joe Biden per le presidenziali Usa. 

Alla commemorazione dei 70 anni dell'ingresso dei Volontari del popolo cinese nella guerra di Corea, l'unica combattuta contro gli Usa, Xi ha dichiarato: "La vittoria del conflitto è il promemoria di una nazione pronta a lottare contro chiunque crei problemi alle porte della Cina. Dobbiamo accelerare la realizzazione della Difesa nazionale e modernizzazione militare, con forze armate di livello mondiale".

venerdì 23 ottobre 2020

Thailandia: revocato lo stato di emergenza dopo i giorni di proteste

(Ansa)

Notizie dalla Thailandia: è stato revocato lo stato di emergenza 'rafforzato' nell'ambito del quale venivano vietati tutti gli assembramenti a sfondo politico di più di quattro persone. 

Per quel che riguarda la decisione, è stata presa dal primo ministro, Prayut Chan-O-Cha, dopo che il provvedimento non è riuscito a spezzare l'onda di proteste che ha percorso il paese per giorni con marce e manifestazioni di piazza pro-democrazia e contro la monarchia.

mercoledì 21 ottobre 2020

Thailandia: minacciata la chiusura di vari siti pro-proteste

(Ansa)

In Thailandia, con le proteste anti-governative estese ormai a varie città, la polizia ha ordinato un'indagine sulla copertura delle manifestazioni da parte di quattro organi di informazione thailandesi, considerati minacce alla sicurezza nazionale. A riportarlo i media thailandesi, specificando che l'ordine è stato firmato dal capo della polizia nazionale venerdì scorso, mentre le pubblicazioni sotto indagine sono ancora accessibili.

Per quel che riguarda i siti nel mirino delle autorità sono Voice TV, The Reporters, The Standard e Prachatai, tutti simpatizzanti del movimento di giovani che nell'ultima settimana è sceso in piazza ripetutamente per chiedere le dimissioni del generale golpista Prayuth Chan-ocha, una nuova Costituzione e una riforma del sistema monarchico. In particolare l'ultima richiesta è considerata blasfema dai conservatori.

lunedì 19 ottobre 2020

Cina: completati i tamponi molecolari nella città di Qingdao

(Ansa)

In Cina le autorità di Qingdao, città costiera della provincia dello Shandong, hanno completato tamponi molecolari in tutta la città, iniziati il 12 ottobre, per testare tutti gli 11 milioni di residenti, a seguito di una recrudescenza dei contagi da Covid-19 emersi a livello locale.

Xue Qingguo, vice sindaco di Qingdao, ha dichiarato che erano stati analizzati oltre 10,16 milioni di campioni e i risultati non avevano mostrato alcun nuovo caso positivo. 

domenica 18 ottobre 2020

Russia. Lavrov: "Apprezziamo molto l'atteggiamento e la posizione costruttiva italiana"

(Ansa)

"Apprezziamo molto l'atteggiamento e la posizione costruttiva italiana" ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serghey Lavrov, a Mosca con il collega italiano Luigi Di Maio. 

"Sono preoccupato per i passi ostili di Bruxelles e in particolare di alcuni membri Ue russofobi che minano cooperazione. L'Italia resta tra i Paesi più convinti del dialogo e della cooperazione con la Russia" ha dichiarato ancora Lavrov.

sabato 17 ottobre 2020

Australia: presto saranno allentate le misure anti-Covid

(Ansa)

In Australia, dopo che solo due nuovi casi di coronavirus sono stati registrati nello stato del Victoria, è stato annunciato che presto saranno allentate le misure anti-Covid. Sono già passati 99 da giorni da quando nella capitale Melbourne sono state imposte regole più severe tra le quali la raccomandazione di stare a casa il più possibile.

"Oggi possiamo essere ottimisti. Abbiamo tenuto il punto, non abbiamo permesso alla frustrazione di prendere il sopravvento e abbiamo preso una decisione consapevole per sconfiggere la seconda ondata" ha dichiarato Daniel Andrews "Ci sarà un allentamento delle restrizioni, in sicurezza, a partire da domenica 18 ottobre 2020".

venerdì 16 ottobre 2020

Kirghizistan: si è dimesso il presidente Sooronbay Jeenbekov

(Ansa)

In Kirghizistan il presidente Sooronbay Jeenbekov ha rassegnato le dimissioni. Lo ha dichiarato il servizio stampa presidenziale, ripreso dalla Tass.

"Non mi aggrappo al potere. Non voglio entrare nella storia del Kirghizistan come un presidente che ha versato sangue e sparato sui suoi stessi cittadini. Per questo motivo, ho preso la decisione di dimettermi" ha dichiarato, in una nota, il presidente.

giovedì 15 ottobre 2020

Spazio: un americano e due russi decollati per la Stazione Spaziale Internazionale

(Ansa)

Nella giornata di mercoledì 14 ottobre l'astronauta statunitense Kathleen Rubins e i cosmonauti russi Sergei Ryzhikov e Sergei Kud-Svertchkov sono decollati per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) a bordo di un razzo russo Soyuz. 

I due cosmonauti di Roskosmos e l'astronauta della NASA sono decollati come concordato alle 5:45 GMT dal cosmodromo russo di Baikonur in Kazakistan, secondo le immagini delle due agenzie spaziali.

lunedì 12 ottobre 2020

Iran: oltre 4400 contagi per Covid-19 nelle ultime 24 ore

(Ansa)

In Iran il coronavirus ha finora causato 28.293 vittime, di cui 195 nelle ultime 24 ore. Il virus ha anche infettato 3.875 persone, portando il numero dei casi dall'inizio della pandemia a 496.253. Lo ha dichiarato la portavoce del ministero della Salute iraniano Sima Lari. 

"Tra gli infetti, circa 4.439 sono in condizioni di salute critiche, mentre altri 403.950 sono guariti. 4.284.413 test sono stati effettuati nel Paese" ha dichiarato la portavoce alla tv di stato. Le autorità iraniane hanno prorogato la chiusura di luoghi pubblici come moschee e palestre per questa settimana.

sabato 3 ottobre 2020

Cina: i leader dell'Ue a Berlino in un vertice il 16 novembre

(Ansa)

Novità nell'Unione Europea: i leader dell'Ue si riuniranno in un vertice straordinario il 16 novembre, a Berlino, per discutere delle complicate relazioni dell'Europa con la Cina. 

Questa notizia si apprende dall'agenda aggiornata del programma del Consiglio europeo.

venerdì 2 ottobre 2020

Ambasciata Cinese in Italia: "Speriamo che il signor Pompeo metta fine al suo show prima possibile"

(Ansa)

"Il Segretario di Stato degli Stati Uniti Pompeo in visita a Roma ha nuovamente diffamato il Partito Comunista Cinese, attaccato senza motivo la politica interna della Cina e tentato di destabilizzare i rapporti tra Italia e Cina. Ci opponiamo fermamente e condanniamo con forza tali atteggiamenti" ha dichiarato il portavoce dell'Ambasciata Cinese in Italia commentando le dichiarazioni del segretario di Stato Usa Mike Pompeo riguardo la Cina. 

"In Italia c'è un proverbio che dice 'chi semina vento, raccoglie tempesta'. Ci auguriamo che il gracchiante signor Pompeo metta fine al suo show prima possibile" ha dichiarato ancora il portavoce dell'Ambasciata Cinese in Italia.

giovedì 1 ottobre 2020

India: il premier Narendra Modi ha inaugurato sei grandi impianti per la depurazione del Gange

(Ansa)

Grandi novità in India: il premier Narendra Modi ha inaugurato, in questi giorni, in una videoconferenza, sei mega progetti infrastrutturali nello stato dell'Uttarakhand, nel nord est del paese, nell'ambito della Missione nazionale Mamami Gange, Gange Pulito.

Per quel che riguarda i progetti, il cui valore complessivo raggiunge i 60 milioni di euro, includono la costruzione di un impianto di depurazione per evitare che le acque inquinate affluiscano nel fiume; il miglioramento dell'attuale impianto idrico a Jagjeetpur, nel distretto di Haridwar, del valore di circa 20 milioni di euro, e la costruzione di un impianto di depurazione, del costo di circa 15 milioni di euro, a Sarai, sempre nel distretto di Haridwar.
L'inaugurazione dell'impianto di Jagjeetpur segna la conclusione del primo progetto di fognature realizzato grazie a una partnership tra pubblico-privato: insistendo su questo aspetto, Modi ha sottolineato che "nelle ultime decadi numerose e ampie iniziative sono state intraprese per pulire il Gange, ma nessuna ha visto la vera partecipazione del pubblico e la necessaria lungimiranza: di conseguenza, il fiume sinora non è mai stato pulito. Il mio governo si è impegnato e quelli che inauguriamo oggi sono i risultati. Non ci siamo limitati alla missione Gange Pulito, ma abbiamo scritto il primo capitolo del più ambizioso progetto di conservazione del fiume mai lanciato nella storia dell'India".
I progetti prevedono infatti interventi per ridurre l'inquinamento non solo del corso d'acqua ma anche di città e villaggi dell'Uttarakhand costruiti lungo le rive del Gange.