Visualizzazione post con etichetta Hong Kong. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Hong Kong. Mostra tutti i post

lunedì 10 febbraio 2020

Hong Kong: nuove regole per contenere l'epidemia di coronavirus

Foto Ansa
La città di Hong Kong si è data nuove regole per contenere l'epidemia di coronavirus e ha imposto 14 giorni di quarantena per chiunque entri nel territorio semiautonomo dalla Cina continentale, con rischio di finire in carcere per chi la violi. I visitatori potranno isolarsi in albergo o in centri gestiti dal governo, i residenti nelle loro case. Chi viene sorpreso in pubblico durante la quarantena rischia una multa e una condanna detentiva fino a 6 mesi.
Chiunque arrivi dalla Cina o da qualsiasi altra parte dopo aver visitato la Cina negli ultimi 14 giorni, è soggetto alla normativa sulla quarantena. I viaggiatori privi di un visto di ingresso minore di 14 giorni saranno respinti alla frontiera.

giovedì 23 gennaio 2020

Hong Kong: primo caso di contagio del coronavirus cinese

Foto Ansa
Nella città di Hong Kong, mercoledì 22 gennaio, è arrivato il primo caso di contagio del coronavirus cinese. A dare la notizia Bloomberg citando Cable TV. 
Per quel che riguarda il paziente, si trova in isolamento in ospedale e pare sia arrivata da Wuhan a Hong Kong con un treno ad alta velocità.

lunedì 23 dicembre 2019

Hong Kong: polizia intervenuta a favore degli uighuri durante un corteo

Foto Ansa
In questi giorni, la polizia di Hong Kong è intervenuta per disperdere una manifestazione a favore degli uighuri dopo che una bandiera cinese era stata rimossa dal palazzo municipale. A riferirlo il Hong Kong Free Press: "Diversi manifestanti sono stati arrestati, e scontri si sono verificati successivamente quando i dimostranti hanno tentato di ritardare l'afflusso degli agenti creando dei blocchi stradali". 

sabato 23 novembre 2019

Hong Kong: protesta delle famiglie contro l'uso dei gas lacrimogeni da parte della polizia

Foto Ansa
Nella città di Hong Kong, decine di famiglie, anche con bambini piccoli, hanno dato vita a una marcia pacifica per protestare contro il modo in cui il governo dell'ex protettorato britannico ha gestito finora le manifestazioni pro-democrazia. Oggetto delle contestazioni, in particolare, è il lancio di gas lacrimogeni da parte della polizia: episodi avvenuti spesso in aree affollate e vicino alle scuole e con il timore che possano essere rilasciate sostanze chimiche tossiche tra cui la cancerogena diossina.

martedì 19 novembre 2019

Hong Kong: 1100 arresti effettuati lunedì 18 novembre

Foto Ansa
Nella giornata di lunedì 18 novembre 2019, la polizia di Hong Kong ha eseguito circa 1.100 arresti, in una delle giornate più difficili da quando sono iniziate le proteste pro-democrazia quasi 6 mesi fa. Nel corso delle ispezioni, ha spiegato un portavoce, sono state ritrovate oltre 3.900 molotov nella Chinese University of Hong Kong. Dai suoi laboratori, così come da quelli del Politecnico, sono state portate via pericolose sostanze chimiche. 

lunedì 18 novembre 2019

Hong Kong: migliaia di persone ai sit-in di protesta

Foto Ansa
Ad Hong Kong, sono migliaia le persone che, per il quinto giorno di fila, stanno riempiendo le strade di nel cuore finanziario di Central e nella vicina area di Tai Koo, approfittando della pausa pranzo. Molti dipendenti di uffici e varie attività si sono uniti ai manifestanti, in gran parte studenti vestiti di nero e con il volto coperto da una maschera, scandendo slogan come il più simbolico sulle "cinque richieste, non una di meno", relativo alla piattaforma del movimento sottoposto alla governatrice Carrie Lam, in cui figura anche il suffragio universale Nell'arco di pochi minuti, Pedder Street, cuore di Central, si è riempita di colletti bianchi che hanno espresso solidarietà unendosi alle manifestazioni anti-governative e contribuendo a bloccare le strade nella pausa pranzo. Nei giorni scorsi, la polizia è intervenuta anche con i lacrimogeni per disperdere la folla. 

sabato 2 novembre 2019

Economia: le borse di Asia e Pacifico in positivo con Tokyo in calo

Parliamo di economia: le borse di Asia e Pacifico sono in gran parte in positivo con Tokyo però in calo (-0,33%) con gli investitori che fanno scattare le prese di profitto sulle incertezze per l'andamento dei negoziati sul commercio internazionale tra Usa e Cina. Hong Kong guadagna lo 0,6%, Shanghai lo 0,99% e Shenzhen l'1,29%. Positiva anche Seul (+0,80%).

giovedì 31 ottobre 2019

Hong Kong. Lam: "Il governo centrale è stato molto d'aiuto: saremo in grado di gestire la situazione"

"Il governo centrale è stato molto d'aiuto e resta fiducioso che io, il mio team e il governo di Hong Kong, in particolare la polizia, saremo in grado di gestire la situazione, porre fine alle violenze e riportare la normalità il prima possibile" ha dichiarato la governatrice Carrie Lam, negando l'ipotesi secondo cui Pechino vorrebbe sostituirla a marzo alla guida di Hong Kong, stando a quanto riportato dal Financial Times.

mercoledì 30 ottobre 2019

Hong Kong. Wong: "Il bando ha chiaramente ragioni politiche"

Foto Ansa
"Il bando ha chiaramente ragioni politiche" ha dichiarato Joshua Wong contestando l'esclusione della sua candidatura al voto distrettuale del 24 novembre a Hong Kong "La cosiddetta ragione è giudicare soggettivamente le mie intenzioni sul sostegno alla Basic Law. Ma ognuno conosce la vera motivazione che è la mia identità: il nome Joshua Wong è un crimine nelle loro menti. Mai ho richiamato l'indipendenza come opzione, ma il funzionario della commissione elettorale ha piegato e interrotto scorrettamente le mie affermazioni".

giovedì 24 ottobre 2019

Hong Kong: ritirata la contestata e controversa proposta di legge sulle estradizioni in Cina

Foto Ansa
HONG KONG - Novità ad Hong Kong: il governo ha in via formale ritirato la contestata e controversa proposta di legge sulle estradizioni in Cina, causa delle proteste partite a giugno e trasformatesi poi in manifestazioni anti-governative e pro-democrazia per la richiesta di riforme, tra cui il suffragio universale, ma di natura sempre più violenta.

martedì 22 ottobre 2019

Borse di Asia e Pacifico: si attendono gli sviluppi sul processo della Brexit

In ambito economico le borse di Asia e Pacifico sono caute in avvio di settimana con gli investitori che guardano agli sviluppi sul processo della Brexit. Tokyo guadagna lo 0,26%, Seul lo 0,17%, Hong Kong è a ridosso della parità mentre non si placano le tensioni nell'ex colonia inglese. Deboli le cinesi con Shanghai che cede lo 0,28% e Shenzhen lo 0,58%. Mentre il mercato guarda sempre ai negoziati tra Pechino e Washington sul commercio. 
"Sostanziali progressi" ha indicato il vice premier cinese Liu He.

mercoledì 9 ottobre 2019

Hong Kong. Lam: "Dobbiamo trovare una soluzione per riportare la calma in città"

"Sento fortemente che dovremmo da soli trovare le soluzioni ed è questa anche la posizione del governo centrale, ma se la situazione dovesse diventare pessima, allora nessuna opzione può essere esclusa se vogliamo che Hong Kong abbia almeno un'altra chance" ha dichiarato la governatrice Carrie Lam, durante una conferenza stampa, rispondendo alla domanda su quale fosse il livello di disordine per poter chiedere aiuto a Pechino al fine di riportare la calma nella città "Escludo altre misure speciali in aggiunta al divieto di uso delle mascherine, precisando che il governo avrebbe fatto un esame attento prima di agire in forza dei poteri emergenziali definiti dalla legge del 1922, in pieno periodo coloniale. Non sono attratta dalla proposta di un politico di vecchio corso pro-Pechino come Ip Kwok-him, secondo cui Hong Kong dovrebbe varare una stretta su Internet al fine di contenere le violenti proteste. Sono molto determinata a usare gli strumenti politici e legali, incluso il dialogo, per risolvere alcuni dei problemi ben sedimentati nella città. Presenterò misure per migliorare la vita della gente nel discorso di apertura della sessione parlamentare del 16 ottobre, la prima dopo la pesante devastazione della sede negli assalti fatti dagli attivisti il primo luglio".

lunedì 7 ottobre 2019

Hong Kong: sospesa la legge contro l'uso delle maschere nei cortei

Novità ad Hong Kong: l'alta Corte ha respinto la richiesta, formulata da un gruppo di parlamentari dell'opposizione, di sospendere la legge contro l'uso delle maschere nei cortei in vigore da venerdì. A riportare la notizia è stata Sky news.

Per quel che riguarda le motivazioni della sentenza, saranno rese note soltanto martedì. Intanto l'ex colonia britannica si prepara ad un'altra giornata di proteste.

sabato 5 ottobre 2019

Hong Kong: attivo il divieto dell'uso di maschere in cortei e manifestazioni

Novità ad Hong Kong: da sabato 5 ottobre ci sarà il divieto dell'uso di maschere in cortei e manifestazioni in luoghi pubblici.
"Una mossa su cui abbiamo discusso questa mattina e che riteniamo necessaria" ha dichiarato la governatrice Carrie Lam in una conferenza stampa in cui è accompagnata da 16 ministri del suo gabinetto "Ricordo la procedura speciale seguito per far fronte a una vera emergenza".

venerdì 27 settembre 2019

Cina. Wang Yi: "Non abbiamo alcuna intenzione di giocare al Trono di Spade: vogliamo rispettare gli interessi Usa"

"La Cina non ha alcuna intenzione di giocare al Trono di Spade e vuole rispettare gli interessi Usa, ma non vorrebbe minacce sul commercio o interferenze sugli affari interni, incluso Hong Kong" ha dichiarato il ministro degli Esteri, Wang Yi, replicando alle accuse del presidente Donald Trump durante la cena dello Us-China Business Council di New York a margine dell'assemblea annuale dell'Onu "Chiedo di lasciare il copione del confronto tra le prime due economie mondiali a favore della cooperazione per il beneficio reciproco e del resto del mondo".

giovedì 26 settembre 2019

Trump: "Il mondo si aspetta che Pechino onori il trattato su Hong Kong"


"Il mondo si aspetta che Pechino onori il trattato su Hong Kong" ha dichiarato il presidente americano Donald Trump, il quale sta monitorando la situazione di Hong Kong intervenendo all'Assemblea dell'Onu "Invito Pechino a proteggere il modo di vita democratico e la libertà di Hong Kong".

lunedì 23 settembre 2019

Hong Kong: rimossi alcuni messaggi liberatori sui "Lennon Walls"

Ad Hong Kong, molti distretti hanno visto la rimozione dei messaggi sui "Lennon Walls", graffiti libertari ispirati alle canzoni dei Beatles, come parte della "campagna di pulizia" promossa dagli attivisti pro-Pechino.
Nel mirino, inoltre, sono finiti più di cento muri ispirati a quello apparso a Praga nei primi anni '80, ricoperto dai testi delle canzoni dei Beatles e dai messaggi contro il regime comunista.
Migliaia di post-it colorati a favore delle manifestazioni che da oltre tre mesi scuotono Hong Kong con le rivendicazione dei diritti e le denunce dell'ingerenza di Pechino nelle vicende della città sono stati rimossi. 

giovedì 12 settembre 2019

Cina. Joshua Wong: "Hong Kong è la nuova Berlino nella nuova Guerra fredda"

"Hong Kong è la nuova Berlino nella nuova Guerra fredda" ha dichiarato Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong in conferenza stampa a Berlino "La polizia di Hong Kong negli ultimi tre mesi ha raggiunto un livello barbarico di violenza. Carrie Lam ha dato luce verde alla brutalità della polizia".  

lunedì 9 settembre 2019

Hong Kong: arrestato l'attivista pro-democrazia Joshua Wong

Nella giornata di domenica 8 settembre 2019, l'attivista pro-democrazia Joshua Wong, leader del 'movimento degli ombrelli' del 2014, è stato di arrestato all'aeroporto di Hong Kong al rientro da un viaggio a Taiwan per la violazione delle regole della libertà su cauzione, seguito all'arresto di agosto, che prevedevano, tra l'altro, l'obbligo di dimora dalle 23 alle 7. 
"Sono stato arrestato dalla polizia per le violazioni delle condizioni del rilascio su cauzione e sono attualmente tenuto in custodia" ha dichiarato Joshua Wong in un messaggio diffuso sui social.

venerdì 6 settembre 2019

Hong Kong. Wong: "La risposta di Carrie Lam è arrivato dopo il sacrificio di 7 vite"

"Troppo poco, troppo tardi" ha dichiarato su Twitter Joshua Wong, già leader del 'movimento degli ombrelli' del 2014, poco prima dell'annuncio della governatrice Carrie Lam sul ritiro formale della legge sulle estradizioni in Cina "La risposta di Carrie Lam è arrivato dopo il sacrificio di 7 vite, l'arresto di oltre 1.200 dimostranti, con molti maltrattati nelle stazioni di polizia. Sollecitiamo anche il mondo a essere vigile e a non farsi ingannato dai governi di Hong Kong e di Pechino. Infatti, non hanno ingannato nessuno e una stretta su larga scala è in arrivo".