Visualizzazione post con etichetta Thailandia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Thailandia. Mostra tutti i post

venerdì 23 ottobre 2020

Thailandia: revocato lo stato di emergenza dopo i giorni di proteste

(Ansa)

Notizie dalla Thailandia: è stato revocato lo stato di emergenza 'rafforzato' nell'ambito del quale venivano vietati tutti gli assembramenti a sfondo politico di più di quattro persone. 

Per quel che riguarda la decisione, è stata presa dal primo ministro, Prayut Chan-O-Cha, dopo che il provvedimento non è riuscito a spezzare l'onda di proteste che ha percorso il paese per giorni con marce e manifestazioni di piazza pro-democrazia e contro la monarchia.

mercoledì 21 ottobre 2020

Thailandia: minacciata la chiusura di vari siti pro-proteste

(Ansa)

In Thailandia, con le proteste anti-governative estese ormai a varie città, la polizia ha ordinato un'indagine sulla copertura delle manifestazioni da parte di quattro organi di informazione thailandesi, considerati minacce alla sicurezza nazionale. A riportarlo i media thailandesi, specificando che l'ordine è stato firmato dal capo della polizia nazionale venerdì scorso, mentre le pubblicazioni sotto indagine sono ancora accessibili.

Per quel che riguarda i siti nel mirino delle autorità sono Voice TV, The Reporters, The Standard e Prachatai, tutti simpatizzanti del movimento di giovani che nell'ultima settimana è sceso in piazza ripetutamente per chiedere le dimissioni del generale golpista Prayuth Chan-ocha, una nuova Costituzione e una riforma del sistema monarchico. In particolare l'ultima richiesta è considerata blasfema dai conservatori.

martedì 28 aprile 2020

Thailandia: stato di emergenza fino al 31 maggio

(Ansa)
In Thailandia, lo stato di emergenza contro il coronavirus durerà almeno un altro mese. Il governo di Bangkok ha infatti esteso fino al 31 maggio le misure restrittive in scadenza originariamente il 30 aprile, tra cui il coprifuoco dalle 22 alle 4 e il divieto di assembramenti.
    
L'estensione del provvedimento giunge dopo un drastico calo dei casi di contagio, che non hanno superato le poche decine al giorno nelle ultime settimane, dagli oltre 150 quotidiani di un mese fa. Con i confini chiusi, il settore turistico del Paese è al collasso, e i media nazionali hanno segnalato un'impennata dei suicidi tra le classi medio-basse oberate dai debiti e senza più uno stipendio.

lunedì 20 gennaio 2020

Thailandia: diagnosticato un secondo caso del misterioso virus legato alla Sars

Foto Ansa
In Thailandia un secondo caso del misterioso virus legato alla Sars è stato diagnosticato a una donna proveniente dalla Cina. A riferirlo i funzionari della Sanità, mentre le autorità alzano la guardia dei controlli negli aeroporti in vista di un atteso aumento degli arrivi per il capodanno cinese. 
Per quel che riguarda la donna, una cinese di 74 anni, è stata ricoverata in ospedale dopo aver presentato sintomi del virus in aeroporto, il 13 gennaio. Alla paziente è stata diagnosticata una polmonite legata al nuovo coronavirus, che ha suscitato allarme dopo aver provocato la morte di due persone in Cina e aver portato altre decine di persone in ospedale. Un caso è stato rilevato anche in Giappone. 

venerdì 3 gennaio 2020

Thailandia: entrata in vigore la messa al bando dei sacchetti di plastica monouso

In questi giorni, in Thailandia, è entrata in vigore la messa al bando dei sacchetti di plastica monouso presso decine di grandi catene di vendita al dettaglio, la più massiccia di una serie di iniziative introdotto negli ultimi anni per far fronte all'emergenza plastica in uno dei Paesi dal più alto consumo pro-capite al mondo.
Parte della campagna "Dite no ogni giorno ai sacchetti di plastica", il ministero per l'Ambiente ha lanciato un piano ventennale per ridurne l'utilizzo, dopo che negli ultimi due anni diversi casi di cetacei trovati morti sulle spiagge thailandesi con chili di plastica nello stomaco hanno finalmente portato il tema all'attenzione della popolazione.
La Thailandia, secondo le stime, getta in un anno 1.17 milioni di tonnellate di sacchetti di plastica.

mercoledì 18 settembre 2019

Thailandia: morte 86 tigri per mancate cure

In Thailandia, oltre metà delle 147 tigri sottratte tre anni fa da un tempio accusato di sfruttarle a scopi turistici, sono morte. 
A dare la notizia le autorità di Bangkok, specificando che le 86 tigri decedute dopo il tentativo di salvataggio avevano problemi respiratori dovuti a una paralisi alla laringe, e altre malattie causate dalla riproduzione per endogamia nella ristretta comunità nei due siti dove erano allevate. Il caso riaprirà con ogni probabilità le polemiche sul trattamento dei maestosi animali selvatici salvati nel 2016 dal famoso Tiger Temple nella provincia di Kanchanaburi, che attirava decine di migliaia di turisti all'anno che si facevano fotografare con le tigri. 

venerdì 7 giugno 2019

Thailandia: Prayuth Chan-ocha rieletto premier

Novità in Thailandia: il generale Prayuth Chan-ocha è stato rieletto premier per un secondo mandato, al termine di una votazione congiunta della Camera uscita dalle elezioni dello scorso marzo e dal Senato interamente nominato dalle forze armate, che ha votato all'unanimità per il generale.

La conferma al potere di Prayuth, che ha guidato la giunta militare dopo il colpo di stato del 2014, era ampiamente attesa. Prayuth, eletto con 500 voti su 750, guiderà un governo di coalizione nel quale sono confluiti 19 partiti, oltre la metà dei quali presenti alla Camera con solo un seggio.

sabato 25 maggio 2019

Thailandia: inaugurato il nuovo Parlamento alla presenza di re Vajiralongkorn

Grandi notizie in Thailandia: il nuovo Parlamento è stato inaugurato con una cerimonia alla presenza di re Vajiralongkorn, che ha esortato deputati e senatori a onorare l'incarico con responsabilità e per il bene del Paese.

Per quel che riguarda la cerimonia, tenutasi venerdì 24 maggio, è stata seguita in serata dall'elezione del presidente della Camera e del Senato, che oggi terranno le loro prime sessioni.

I 750 membri del Parlamento - 500 alla Camera e 250 al Senato - si sono riuniti in una sala del ministero degli esteri, dato che il palazzo del nuovo Parlamento sulla riva del fiume Chao Phraya è ancora in fase di costruzione, nonostante la conclusione dei lavori fosse prevista per il 2015. 

mercoledì 31 maggio 2017

Cibus e Anuga portano i prodotti alimentari 'authentic italian' alla Fiera di Bangkok

BANGKOK – Dopo il clamoroso successo di “Cibus Connect 2017”, la nuova fiera che si terrà negli anni dispari, Cibus prepara una edizione memorabile di Cibus 2018. Ripartono dunque le partecipazioni a fiere estere ed il networking con i buyer internazionali.

Alla fiera dell’alimentazione “Thaifex”, apertasi ieri a Bangkok, è stata allestita un’Area Italia cui partecipano più di 50 imprese alimentari italiane che espongono i prodotti alimentari authentic italian per far conoscere l’alta qualità del made in Italy ed opporsi alla diffusione dei falsi dell’italian sounding.

Thaifex, una delle fiere organizzate nel mondo da KoelnMesse, rappresenta una porta di ingresso su tutti i mercati del Sud-Est asiatico e dell’area di libero scambio “Asean”, che comprende Birmania, Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malesia, Singapore, Thailandia e Vietnam. Un mercato in grande crescita e di primario interesse strategico per l’alimentare italiano.

Tra le imprese presenti nell’Area Italia: Acetificio De Nigris, Besana, Pastificio De Martino, La Doria Olio Basso,  D'amico, BioAgricoop, Meseta Gruppo Co.ind, Farchioni, Latteria Sorrentima, Agromonte, Dolfin,  Lameri , Vergani Secondo, Stella 81, Limmi, Balconi, Foodnes e Consorzio di Tutela del formaggio Asiago.

La lounge italiana è stata organizzata da Fiere di Parma/Cibus, Federalimentare, Koelnmesse, con il fattivo contributo di Ice Agenzia.

Alla 14° edizione di Thaifex, che rimarrà allestita fino al 4 giugno, espongono 2200 espositori (da 46 Paesi, asiatici e internazionali) su una superficie espositiva di 93.000 mq. su 8 padiglioni. Sono attesi 46mila visitatori tra buyer, retailer ed importatori. Grazie alla collaborazione tra Koelnmesse (Anuga) e Fiere di Parma (Cibus), questa è la quinta volta che le aziende italiane partecipano a Thaifex.

“Sono molto soddisfatto della consistente rappresentanza dell'agroalimentare italiano a Thaifex – ha dichiarato Thomas Rosolia, Amministratore delegato di Koelnmesse Italia  - segno che l’alleanza strategica tra Koelnmesse, Fiere di Parma e Federalimentare  sta concretamente aiutando le aziende  nella conquista dei mercati esteri a più elevato potenziale. Prossima tappa Anufood China in agosto a Beijing. L’alleanza vuole anche essere sinonimo di garanzia per aziende e buyer che potranno trovare nelle partecipazioni a marchio congiunto Cibus-Anuga tutta l’eccellenza del Made in Italy.  Due marchi storici metteranno a fattore comune le loro competenze a servizio del sistema-Paese Italia”.

“Il mercato dell’Asean sta crescendo a tassi doppi e vale ormai quasi 4 volte il mercato cinese - ha sottolineato Antonio Cellie, Ceo di Fiere di Parma – In conformità alla mission della piattaforma Cibus, abbiamo sempre partecipato a Thaifex che rappresenta la porta di ingresso dei mercati del sud-est asiatico. E’ una fiera in grande crescita e questa è la quinta volta che vi partecipiamo, grazie alla collaborazione con Anuga. Possiamo dire che grazie anche alla presenza dell’authentic italian Thaifex è divenuta una fiera di primaria importanza in Asia. Siamo qui anche per sviluppare il networking con i buyer ed aumentare l’incoming a Cibus2018”.

domenica 3 aprile 2016

Grave scontro in Thailandia: treno travolge pullman turistico


di PIERPAOLO DE NATALE - Tragico incidente in Thailandia, dove un treno si è schiantato contro un pullman turistico  due piani. L'impatto è avvenuto in prossimità di un passaggio a livello incustodito e un primo bilancio riporta 3 vittime e almeno 30 feriti. Il terribile scontro ha avuto luogo nella provincia di Nakhon Pathom, a ovest di Bangkok, dove il pullman viaggiava verso l'isola di Samet. Le immagini diffuse dai media locali riportano gli ultimi istanti prima dell'incidente fatale. Guadando il video è possibile notare come il mezzo, carico di turisti, abbia rallentato avvicinandosi ai binari, per poi essere inesorabilmente travolto dal treno, che l'ha trascinato per decine di metri.

sabato 6 giugno 2015

Thaliandia: arriva il pene anti-stupro



di Andrea Stano - La nuova trovata per prevenire aggressioni e stupri arriva dalla thailandia ed è un congegno semplice ma geniale. Un pene finto, integrato in un paio id mutandoni da donna, pare possa essere un'ottima soluzione per garantire l'incolumità delle donne.

L'articolo è in commercio da due anni, ma solo ora i produttori stanno assistendo a clamorosi picchi nelle vendite e forse non per caso, considerando che la Thailandia è considerata il Paese asiatico col più alto tasso di aggressioni sessuali secondo lasexta.com.

Secondo l'azienda proprietaria del brevetto, il segreto di questo successo è nella sua forte capacità deterrente. Un aggressore sarebbe infatti fortemente scoraggiato dall'idea di stuprare una ragazza alla vista di attributi maschili.

Per scoprire meglio il funzionamento dei "Security pants", guarda il video!

lunedì 25 maggio 2015

Noodles con verdure e gamberetti (RICETTA)


a cura di Antonio Gianseni - I noodles sono un tipo d ipasta cinese dalla forma sottile e allungata, paragonabile ai nostri spaghetti. Vengono solitamente cucinati lessandoli e poi serviti saltandoli in padella o friggendoli. Il piatto di oggi è una rivisitazione in chiave thailandese di questa pasta tipicamente cinese.

Ingredienti:


  • Noodles, 250 g
  • Piselli, 200 g
  • Carote, 2
  • Gamberetti, 200 g
  • Acqua, q. b.
  • Sale, q. b.
  • Olio di semi, 2 cucchiai
  • Salsa di soia, 2 cucchiai

Preparazione:

  1. Pelare e tagliare le carote a cubetti, per poi unirle ai piselli in una pentola
  2. Aggiungere dell'acqua e cuocere per dieci minuti
  3. Aggiungere i gamberetti, preferibilmente surgelati, e procedere con la cottura per circa 5 minuti
  4. In un wok, riscaldare l'olio per poi aggiungere verdure e gamberetti, che assorbiranno il tutto in qualche minuto, insaporendosi
  5. Cuocere a parte i noodles seguendo le indicazioni riportate sulla confezione
  6. Una volta pronti, scolarli e aggiungerli al wok
  7. Alzare la fiamma, aggiungere la salsa di soia e far saltare per qualche minuto

venerdì 1 maggio 2015

SPECIALE EXPO 2015. Alla scoperta dei padiglioni dell'Asia


di Pierpaolo De Natale - Parte oggi, venerdì primo maggio, Expo Milano 2015: l'Esposizione Universale che fino al 31 ottobre farà dell'Italia la sede del più grande evento mai realizzato in tema di alimentazione e nutrizione. 


L'area espositiva si estende su 1,1 milioni di metri quadrati ed ospita i padiglioni di 140 Paesi e Organizzazioni internazionali. Sono 20 milioni i visitatori attesi provenienti da tutto il mondo e noi di Asia Notizie abbiamo scelto di passeggiare per le strade della grande Esposizione Universale alla scoperta dei padiglioni che più ci interessano da vicino, quelli dei panorami d'Oriente.

  • Bangladesh. Tema: "Sostenibilità nella produzione di riso, per una vita migliore in un’era di cambiamenti climatici". In questo padiglione si potranno osservare tutte le varietà di riso sviluppate dal Bangladesh Rice Research Institute per favorire l'adattamento di questo cereale, da tempi immemori coltivato in questo Paese, ai cambiamenti climatici.
  • Cambogia. Tema: "Il riso, coltura di una terra dalla forte eredità culturale". Anche qui protagonista della mostra è il riso. Tra i maggiori produttori asiatici di riso, la Cambogia per Expo 2015 si fa portatrice delle tecnologie di gestione dei raccolti agricoli, dei sistemi di irrigazione e della catena distributiva del cibo, approfondendone gli aspetti che si intrecciano con la natura.
  • Cina. Tema: "Terra di speranza, cibo per la vita". Il percorso del padiglione cinese si articola lungo tre canali. "Il dono della natura", che mostra il percorso del raccolto secondo il calendario cinese lunisolare e i cinque colori del suolo, "Cibo per la vita", che illustra il percorso della produzione del cibo, la coltura del tè e le Otto famose scuole di cucina cinese, e - infine - "Tecnologia e futuro", che documenta i progressi scientifici del Paese, tra cui il riso ibrido del prof. Y. Longping.
  • Emirati Arabi Uniti. Tema: “Cibo per la mente - Delineare e condividere il futuro”. Il padiglione presenta una struttura architettonica che richiama sia le stradine degli insediamenti storici fortificati degli Emirati che le sue dune sabbiose. Al suo interno si esplorano le sfide per la nutrizione del pianeta in relazione ai temi della terra, del cibo, dell'energia e dell'acqua, presentando anche alcune soluzioni innovative trovate dal Paese.
  • Giappone. Tema: "Diversità armoniosa". Il Giappone ha scelto di proporre la propria dieta alimentare a base di riso, pesce crudo e verdure come modello di alimentazione equilibrata per far fronte a fame, ecologia e obesità. Il padiglione è stato realizzato con legno e bambù, seguendo una struttura tipica delle abitazioni di Kyoto e arricchendo gli ambienti con importanti tecnologie informatiche e sistemi per il risparmio energetico.
  • Kazakistan. Tema: "La terra delle opportunità". In questo padiglione, i Kazaki mirano a sensibilizzare i visitatori verso lo sviluppo sostenibile e la tutela delle risorse agricole.
  • Malaysia. Tema: "Verso un ecosistema alimentare sostenibile". Il padiglione è ispirato alla struttura di un seme della foresta pluviale e al suo interno affronta il concetto dell'agricoltura sostenibile come strumento di lotta alla povertà.
  • Nepal. Tema: "La sicurezza alimentare e la sostenibilità per lo sviluppo". Cardine del concept nepalese è l'agricoltura di montagna con i suoi metodi naturali, i terrazzamenti e la biodiversità. L'architettura dell'edificio richiama il mandala, diagramma geometrico che richiama il cerchio della vita.
  • Oman. Tema: "L’eredità nei raccolti". A seguito della sua posizione geografica il Sultanato di Oman fa ruotare l'intera produzione alimentare intorno all'acqua, bene di grande importanza nelle sue zone aride e secche. Ad Expo 2015, gli Omaniti mostrano le loro tecniche di gestione delle risorse idriche ed offrono una piacevole passeggiata all'interno di un giardino suddiviso in tre aree dedicate a sole, sabbia e mare.
  • Qatar. Tema: "Seminare sostenibilità, soluzioni innovative per un cibo sostenibile". Nel suo padiglione, questo Paese caratterizzato da lunghe distese sabbiose fa conoscere al mondo la propria opera di promozione dello sport e della ricerca scientifica per una responsabile gestione dell'acqua.
  • Repubblica di Corea. Tema: “Sei ciò che mangi”. In un edificio che ricorda il Moon Jar, vaso in ceramica tipicamente coreano, la Corea del Sud guarda al futuro, interpretando le proprie pratiche culinarie come metodi per risolvere le imminenti sfide di alimentazione che riguarderanno l'umanità.
  • Sri Lanka. Tema: "Un paradiso verde". Questo Paese, luogo in cui vive il più antico esemplare di Ficus Religiosa - risalente al III sec. a. c. - partecipa ad Expo 2015 per dare importanza agli aromi, ai loro valori e alle loro straordinarie proprietà medicinali.

  • Thailandia. Tema: "Nutrire e deliziare il mondo in modo sostenibile". Il percorso si muove su quattro strade che offrono ai visitatori sensazionali show acrobatici, esempi del lavoro dei contadini thailandesi ed esperienze per avvicinarsi alla cucina tipica del Paese.
  • Timor - Leste. Tema: "Il Racconto del Coltivatore di Caffè timorese". In questo padiglione i visitatori possono conoscere la storia di questo Paese come coltivatore di caffè che ha dovuto sopportare gli effetti della colonizzazione e la competizione internazionali dei grandi produttori. Nello stand è possibile assaggiare le diverse varietà di caffè e conoscere le partnership del Timor-Leste.
  • Uzbekistan. Tema: "Il sapore del sole". Questo Paese si colloca all'interno del cluster Frutta e Legumi. Una parte della sua esposizione è dedicata alla mostra ortofrutticola, mentre la restante è riservata ai vini, dal momento che l'Uzbekistan è il principale coltivatore d'uva dell'Asia centrale.
  • Turkmenistan. Tema: “Acqua è vita”. Focus dello stand sono gli investimenti messi in atto per valorizzare le infrastrutture agricole di questo Stato, i cui obiettivi futuri sono la sostenibilità, la tutela ambientale e il risparmio nei consumi idrici.
  • Vietnam. Tema: "Acqua e fior di loto". Il padiglione esalta la cucina vietnamita, esponendone i prodotti tipici: riso, caffè, pepe, frutta secca e frutti di mare. Nello spazio commerciale è possibile acquistare manufatti unici realizzati in bambù, legno, porcellana e tessuto, ed assaggiare piatti tipici del Vietnam, la maggior parte dei quali conditi con uno dei più importanti ingredienti della cucina di questo Paese: il fiore di loto.


 (foto: Expo2015)




sabato 25 aprile 2015

Brasato di Cinghiale servito con Pappardelle (RICETTA)


di Redazione - Ricetta liberamente ispirata allo Civet piemontese, ma reinterpretata alla thailandese.

Ingredienti

  • 1 Kg Polpa di cinghiale, meglio di spalla
  • 100 gr Lardo di maiale
  • 300 gr Carote
  • 300 gr Sedano bianco
  • 300 gr Cipolla bianca
  • 2 btl Valpolicella Ripasso
  • 20 gr Bacche di ginepro
  • 2 pc Anice stellato
  • ½ pc Bacchetta di cannella
  • 12 pc Chiodi di garofano
  • 2 pc Spicchi d’aglio
  • 1 pc Rametto di rosmarino fresco
  • 5 pc Foglie di alloro secco
  • 20 gr Pepe nero in grani
  • 50 gr circa di cioccolato, la mia scelta sarebbe l’Uganda 80% di Belcolade, per la forza del profumo e la morbidezza complessiva, ha un’acidità molto bassa

Preparazione

Almeno 24 ore prima
  1. Pulire bene le carote, i sedani e le cipolle e tagliare il tutto a mirepoix. Parare la carne e tagliarla in tocchi di circa 3-4 centimetri, è bene lasciare il grasso ed i tendini, dopo lunga cottura renderanno la carne più tenera.
  2. In un largo recipiente di vetro, ceramica o acciaio, disporre le verdure come un letto, sul quale andrà adagiata la carne a pezzi. 
  3. A parte, raccogliere tutte le spezie e l’aglio in un saccheto di lino (assicurarsi che non sappia di sapone da bucato), chiuso bene e posto anch’esso nel recipiente. Coprire col vino. La carne deve marinare per almeno 24 ore, ma anche di più, dipende dall'età e dal sesso dell’animale. 
  4. Il maschio richiede più tempo, la femmina meno, il vecchio di più ed il giovane di meno. 
  5. In generale per una femmina di giovane età, 24 ore sono sufficienti, per un maschio stagionato, possono rendersi necessari anche tre giorni. 
  6. La carne può essere marinata in frigorifero, ma sempre ben coperta con la pellicola.
La Mattina
  1. Rimuovere il sacchetto di profumi e tenerlo da parte. Rimuovere la carne, avendo cura di strizzarla leggermente e metterla da parte, scolare le verdure bene e metterle da parte. Tenere il liquido della marinata.
  2. In una pentola di acciaio, scaldare il lardo ed aggiungervi le verdure ben scolate, far rosolare a fiamma media finchè l’acqua non sia tutta evaporata. 
  3. Aggiungere la carne, farla rosolare bene a fiamma vivace finchè bene asciutta. 
  4. Aggiungere il liquido della marinata a coprire, mettere dentro il sacchetto delle erbe e portare a bollore. 
  5. Abbassare la fiamma fino a sobbollire lentamente e lasciar cuocere “a oltranza”, finchè la carne diventa tenera e i tendini morbidi. Se necessario, aggiungere del buon brodo di carne. 
  6. La cottura può impiegare anche 4 o cinque ore, dipende sempre dalla qualità della carne, ma mai meno di tre ore.
  7. Quando la carne è quasi cotta, rimuovere il sacchetto di erbe (a questo punto lo si può anche buttare), salare a puntino e finire la cottura.
  8. Quando la carne è finalmente cotta, rimuoverla velocemente e tenerla al caldo. Ridurre la fiamma per far smettere di sobbollire ed incorporare il cioccolato grattugiato un pochino alla volta, amalgamando con la frusta. Si può anche sciogliere il cioccolato a bagno maria e poi versarlo a filo, sempre lavorando a frusta e senza mai far bollire.
La carne può essere servita con la polenta, con della pappardelle, dei gnocchi di patate o sopra un magnifico risotto al Castelmagno, il tutto ben condito con il suo sugo.

Il mio finale preferito è mettere la carne su di un sontuoso risotto al Castelmagno, sporcato in giro con la salsa (un po' di salsa extra nella salsiera a tavola ci vuole) e coperto di scaglie di tartufo fresco, meglio quello nero, non troppo profumato, altrimenti il cioccolato “sparisce”.
Executive Chef presso Cape Sienna Hotel & Villas
Kamala, Phuket, Thailandia

domenica 12 aprile 2015

Thailandia: 12enne italiana sta bene

foto: Ansa

di Andrea Zeni - L'esplosione dell'autobomba sull'isola di Samui - in Thailandia - ha coinvolto anche una bambina italiana. La 12enne, secondo quanto riferito dalla Farnesina, è stata subito controllata dal personale medico della zona e sta bene, tanto che è da poco tornata a casa. Le informazioni giungono dall'ambasciata italiana a Bangkok, che mostrava particolare preoccupazione per l'accaduto, considerando che la deflagrazione del veicolo ha causato la morte di sei thailandesi.

sabato 14 marzo 2015

Phi phi islands (PHOTOGALLERY)







giovedì 12 marzo 2015

Thailandia, paradiso terrestre (PHOTOGALLERY)







domenica 1 marzo 2015