Visualizzazione post con etichetta Natura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Natura. Mostra tutti i post

lunedì 22 giugno 2020

Indonesia: una colonna di cenere ha sovrastato il vulcano Merapi

(Ansa)
In Indonesia una gigantesca colonna di cenere, alta sei chilometri, ha sovrastato in questi giorni il vulcano Merapi, alle porte di Yogyakarta, dopo che due eruzioni hanno spinto nelle ultime ore le autorità locali a ordinare ai residenti di tenersi ad un raggio di almeno tre chilometri dal cratere.
    
Per quel che riguarda le eruzioni, secondo l'Agenzia geologica nazionale, sono durate circa sette minuti. L'Agenzia non ha modificato il grado di allerta relativo al vulcano, ma ha consigliato alle compagnie aeree di prestare particolare attenzione durante i voli nella zona.

lunedì 8 giugno 2020

Sri Lanka: dal primo agosto si apre ai turisti stranieri

(Ansa)
Novità nello Sri Lanka: a partire dal primo agosto apre ai turisti stranieri, a patto che questi si sottopongano a una serie di test sul coronavirus, prima e durante il loro soggiorno sull'isola e siano muniti di un certificato che attesta di non essere portatori della malattia.
Quest'ultimo dovrà essere eseguito non più di 72 ore prima dell'atterraggio in Sri Lanka, dove il documento comunque non esenterà i visitatori da un nuovo test in aeroporto, da uno dopo cinque giorni e un terzo dopo 10 giorni di soggiorno.
    
"Comprendiamo che può essere fastidioso, ma è essenziale per la sicurezza di tutti e per la tranquillità dello spirito" si legge in una nota di accompagnamento del ministero della Sanità di Colombo.

sabato 14 marzo 2020

Nepal: annullate tutte le spedizioni sull'Everest per contenere l'epidemia di coronavirus

(Ansa)
In Nepal sono state annullate tutte le spedizioni sull'Everest per il resto della stagione nel tentativo di contenere l'epidemia di coronavirus. 
"Le autorizzazioni a scalare sono annullate fino alla fine di aprile" ha dichiarato il ministro del Turismo nepalese Kedar Bahadur Adhikari secondo quanto riportato dal Guardian.

Marzo, aprile e maggio, sono i mesi di solito più affollati sull'Everest poiché il tempo è buono e le temperature sono miti.
Per il Nepal lo stop alla stagione alpinistica si tratta, comunque, di un enorme danno economico. 

giovedì 16 gennaio 2020

Maltempo: almeno 132 morti in Pakistan e Afghanistan

Foto Ansa
Il maltempo in Pakistan e Afghanistan, nelle ultime due settimane, ha causato almeno 132 morti a causa di neve, piogge e inondazioni. A riferirlo le autorità locali dei due Paesi.
Nel dettaglio, almeno 93 persone sono morte e 76 sono rimaste ferite in Pakistan, dove si registrano anche dei dispersi. In Afghanistan, invece, i morti sono almeno 39 e i feriti 60.
Il Kashmir pachistano risulta essere la regione più colpita con 62 morti e 53 feriti negli ultimi giorni, secondo l'autorità locale della gestione delle catastrofi.
Nei prossimi giorni, è ancora previsto un forte maltempo. 

martedì 14 gennaio 2020

Filippine: alte colonne di cenere dal vulcano Taal

Foto Ansa
Nelle Filippine, alte colonne di cenere illuminate dai fulmini e strisce di lava sono uscite alle prime ore del mattino di lunedì 13 gennaio 2020 dal vulcano Taal, il quale si è risvegliato facendo tremare la terra e facendo temere una imminente eruzione esplosiva. 
Le autorità filippine hanno sollecitato una "evacuazione totale" nel raggio di 17 chilometri, che coinvolgerà oltre mezzo milione di abitanti dei dintorni della capitale Manila. Le ceneri già eruttate dal vulcano si sono spinte fino a 14 chilometri di distanza e l'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia ha elevato il livello di allerta a quattro di cinque. 
Per quel che riguarda il vulcano, è considerato tra i più pericolosi del mondo, a causa del gran numero di persone che vivono nelle sue immediate vicinanze.

mercoledì 18 settembre 2019

Thailandia: morte 86 tigri per mancate cure

In Thailandia, oltre metà delle 147 tigri sottratte tre anni fa da un tempio accusato di sfruttarle a scopi turistici, sono morte. 
A dare la notizia le autorità di Bangkok, specificando che le 86 tigri decedute dopo il tentativo di salvataggio avevano problemi respiratori dovuti a una paralisi alla laringe, e altre malattie causate dalla riproduzione per endogamia nella ristretta comunità nei due siti dove erano allevate. Il caso riaprirà con ogni probabilità le polemiche sul trattamento dei maestosi animali selvatici salvati nel 2016 dal famoso Tiger Temple nella provincia di Kanchanaburi, che attirava decine di migliaia di turisti all'anno che si facevano fotografare con le tigri. 

martedì 9 aprile 2019

Giappone: asta record per una coppia di manghi

Un paio di manghi dal peso di mezzo chilo ciascuno sono stati acquistati per la cifra record di 500'000 yen in Giappone, l'equivalente di circa 4000 euro, alla prima asta dell'anno nella prefettura di Miyazaki, a sud dell'arcipelago.
I due frutti della categoria premium prendono il nome di "Taiyo no Tamago" (Uova del sole), una distinzione che caratterizza i mango da un peso di almeno 350 grammi, con un alto contenuto di zucchero e almeno la metà della superficie coperta da una tinta luminosa rossastra. La confezione selezionata verrà venduta nei centri commerciali di Fukuoka, la maggiore città della regione del Kyushu, dove è situata Miyazaki. Secondo la Federazione locale degli agricoltori la stagione della raccolta dei mango premium dovrebbe registrare il suo picco tra metà maggio e metà giugno. I giapponesi hanno un culto della frutta di lusso. Pur pagando tali somme, i giapponesi non guardano al costo di acquisto, in particolare quando offrono la frutta, un dono prezioso nell'arcipelago. Nei reparti dei grandi magazzini dedicati o negozi specializzati, le opere d'arte della natura sono esposte come gioielli, protette da una rete bianca. Spesso vendute singolarmente, mele, pere, pesche, uva presentano forme perfette e lasciano un gusto squisito al palato. Anche nei supermercati di base, la frutta è ancora costosa: una sola mela spesso costa l'equivalente di 2 euro.  
Eppure osserva Giovanni D’Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" in Italia diciamo che la frutta è cara. Se amate la frutta e non potete farne a meno, cominciate ad ipotecare casa vostra, come avviene in un qualunque supermercato "Tokyo food show". 

giovedì 7 maggio 2015

Cina: 60% acque inquinate


di Pierpaolo De Natale - Lo sviluppo industriale cinese è rapido e inarrestabile, tanto che in pochi anni il Paese della Grande Muraglia ha raggiunto e superato i profitti economici di colossi come Stati Uniti e Russia. Questa crescita però, se si è rivelata indubbiamente positiva per la salute economica della Cina, non si è dimostrata altrettanto utile per l'assetto paesaggistico del territorio, che ne ha risentito fortemente.

Dopo aver effettuato quasi 5.000 test, il governo cinese ha riferito che il 60% delle acque sotterranee dello Stato è inquinato. Dati resi noti da fonti governative nel 2013, affermano che il 78% delle acque al di sotto della pianura della Cina del Nord - pari ad oltre 410mila chilometri quadrati e con più alta densità di popolazione - non è potabile.

Esperti sanitari, infine, sostengono che il forte aumento di malati di cancro, abitanti sulle sponde del fiume Huai, sia dovuto all'inquinamento di quelle acque.

Il 16 aprile 2015 il governo ha pubblicato un piano d'azione per il controllo e la prevenzione dell'inquinamento che entro il 2020 mira a migliorare la qualità delle acque di almeno sette fiumi ed entro il 2050 l'intero ecosistema acquatico della nazione.
La spazzatura nel fiume Shenling dove gli abitanti della regione lavano i vestiti.

Lago Donghu.

Confronto tra acqua prelevata da un ruscello e acqua minerale in bottiglia.

Acque di scarico riversate nel fiume Yangtze.

Pesci morti sulle rive del fiume Fuhe.

Pescatore ricoperto di alghe nel lago Chaohu.

Lago Wuhan.

Costa ricoperta di alghe nel lago Qingdao.

Terreno e acque contaminate da una fabbrica di tinture nell'Henan.

Acque del fiume Jianhe inquinate da impianti chimici illegali.

foto: Reuters