Visualizzazione post con etichetta Turismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Turismo. Mostra tutti i post

martedì 22 settembre 2020

India: riapre il Taj Mahal

(Ansa)

In India riapre, in questi giorni, il Taj Mahal, chiuso da marzo a causa del coronavirus, nonostante i contagi in India continuino ad aumentare. 

Ogni giorno si registrano in media 100 mila casi e mille morti, in totale 5,4 milioni di persone sono state contagiate dall'inizio della pandemia, su una popolazione di 1,3 miliardi di persone. Dopo un severo lockdown il governo ha riaperto poco a poco agli spostamenti e al commercio. Apre ora alle visite anche il Taj Mahal, il mausoleo di marmo bianco di Agra, a sud di New Delhi, il sito turistico più popolare dell'India che in tempi normali attira sette milioni di visitatori all'anno.

martedì 8 settembre 2020

Corea del Sud: cancellati più di 300 voli per il tifone Haishen

(Ansa)

In Corea del Sud si è abbattuto il tifone Haishen: a dichiararlo la Bbc. Più di 300 i voli cancellati da 10 aeroporti e alcuni servizi ferroviari sospesi.

I forti venti hanno causato interruzioni dell'energia elettrica in quasi 5.000 abitazioni sulla punta meridionale della penisola coreana, inclusa l'isola turistica di Jeju.

venerdì 4 settembre 2020

Maldive: nuove misure per gli ingressi dei turisti a causa del Covid-19

(Ansa)

Nelle Maldive si è deciso di alzare la guardia sugli ingressi dei turisti dopo un aumento dei casi di coronavirus. Ad annunciarlo il ministero degli Esteri dell'arcipelago dove il turismo rappresenta una risorsa essenziale.

D'ora in poi, tutti i turisti dovranno presentare un certificato di test negativo al Covid-19 all'arrivo, ha spiegato il ministero. Il Paese ha riaperto al turismo a metà luglio, con l'arrivo dei voli internazionali dopo la sospensione dei collegamenti che era scattata a marzo, senza obbligo di presentazione di certificati.

sabato 8 agosto 2020

L'Egitto: i re d'Egitto si stanno preparando a trasferirsi nella loro nuova casa nel Museo della Civiltà di Fustat

di LAMIAA MAHMOUD. Presto verranno trasportati 22 re e regine con la partecipazione di ruote militari nell'antico stile egiziano. In una maestosa processione reale si addiceva alla grandezza dei re e delle regine dell'antico Egitto sotto il titolo "I faraoni sono tornati". Tra i re e le regine più famosi da trasferire ci sono: Sakan Ra - Tuthmosis il primo - Ahmose Nefertari - Amenhotep il primo - Tuthmosis il secondo - Queen Hatshepsut - Tuthmosis il terzo - Amenhotep il secondo - Tuthmosis il quarto - Amenhotep il terzo - Ramesse il secondo - Merenptah - Seti Ramesse il quarto - Ramesse il quinto - Ramesse il nono - Prima città.

Mentre la piazza Tahrir fu sviluppata, ed è considerata una delle più grandi piazze della città del Cairo in Egitto, ha attraversato molte fasi dalla sua fondazione ai giorni nostri e ha assistito a una serie di movimenti rivoluzionari ed eventi storici in Egitto. E ora è al suo meglio per essere una nuova attrazione all'interno delle attrazioni archeologiche e turistiche della città del Cairo. I quattro arieti furono trasportati in piazza Tahrir e il restauro dell'obelisco del re Ramesse II, che fu spostato dall'antica area di Al-Hajar del Governatorato della Sharkia a piazza Tahrir.
Il processo di trasferimento delle mummie reali, dal luogo della loro attuale esposizione nel Museo Egizio, sarà liberato nel luogo di esposizione permanente nel Museo Nazionale della Civiltà Egizia ad Al-Fustat. E le mummie saranno esposte nel museo, poiché i percorsi che conducono alle sale delle mummie sono stati implementati lungo le linee delle antiche tombe faraoniche, ogni re esporrà accanto alla propria bara e alcuni dei suoi beni e un dipinto per identificare lui e le sue realizzazioni e proporzioni e il suo account e un'immagine personale di lui usando la tecnologia dell'intelligenza artificiale.
Il Nuovo Museo della Capitale Amministrativa, il Museo Fustat, il Museo Tahrir e il Grand Museum sono collegati tra loro con una rete di treni elettrici, monorotaia, metropolitana, autobus pubblici a due piani intelligenti ed elettrici, che consentono al visitatore di godere di oltre 350.000 manufatti unici, a cominciare dalla nuova capitale, Fatimid Cairo, Khedive Cairo e West Giza.

mercoledì 8 luglio 2020

Maldive: dal 15 luglio saranno riaperte le frontiere agli stranieri

(Ansa)
Novità per le Maldive che riaprono al turismo: il governo del Paese ha, infatti, comunicato che dal prossimo 15 luglio saranno riaperte le frontiere agli stranieri per motivi di turismo. Le Maldive avevano chiuso lo scorso marzo a causa della pandemia di coronavirus.
    
Per quel che riguarda le procedure per l'ingresso dei turisti, restano le stesse in vigore precedentemente alla chiusura delle frontiere per la diffusione del Covid-19.

lunedì 8 giugno 2020

Sri Lanka: dal primo agosto si apre ai turisti stranieri

(Ansa)
Novità nello Sri Lanka: a partire dal primo agosto apre ai turisti stranieri, a patto che questi si sottopongano a una serie di test sul coronavirus, prima e durante il loro soggiorno sull'isola e siano muniti di un certificato che attesta di non essere portatori della malattia.
Quest'ultimo dovrà essere eseguito non più di 72 ore prima dell'atterraggio in Sri Lanka, dove il documento comunque non esenterà i visitatori da un nuovo test in aeroporto, da uno dopo cinque giorni e un terzo dopo 10 giorni di soggiorno.
    
"Comprendiamo che può essere fastidioso, ma è essenziale per la sicurezza di tutti e per la tranquillità dello spirito" si legge in una nota di accompagnamento del ministero della Sanità di Colombo.

mercoledì 22 gennaio 2020

Egitto: il Grande Museo Egizio sarà aperto per il mondo alla fine del 2020

di LAMIAA MAHMOUD. Nonostante le cospirazioni e gli ostacoli che esplodono i nemici della patria e i tentativi dei nemici di ostacolare la marcia del progresso, l'Egitto, con la sua guida saggia e consapevole, si sta dirigendo verso la marcia del progresso con tutta determinazione e massima velocità, indipendentemente dalle cospirazioni contro l'Egitto in tutti i campi.
L'Egitto si sta preparando ad aprire il più grande museo culturale per tutto il mondo, "Il Grande Museo Egizio" il più grande del suo genere al mondo ad un costo di un miliardo di dollari, che includerà 100 mila pezzi unici della storia egizia con la più grande civiltà sulla terra e il museo è il dono dell'Egitto per il mondo e tutta l'umanità e sarà il secondo museo più grande del mondo e il più grande museo del mondo dedicato a una civiltà, vicino alle Piramidi di Giza. 
La superficie dell'edificio è di 168.000 metri quadrati ed è stata divisa in tre grandi gallerie, strutture per conferenze, spazi educativi, un centro di conservazione e restauro, aree ricreative, ristoranti, caffetterie e negozi.
Più di 20 aziende internazionali stanno sviluppando uno scenario per la grande festa dell'apertura del Grande Museo Egizio, e durante il prossimo periodo, presenteranno le loro opinioni al comitato specializzato e le 5 società più creative saranno scelte per implementare la festa.
Di seguito è in corso uno spettacolo d'opera simile a "Opera Aida".
Il nome "Opera di Tutankhamon" in collaborazione con l'egittologo Zahi Hawas e il famoso musicista Zambone e il noto sceneggiatore italiano Santocono e sarà esposto in vari ruoli dell'opera mondiale dopo l'apertura, lo spettacolo include la storia della vita del re egiziano, il più famoso di tutti i tempi, Tutankhamon e il suo rapporto con suo padre Akhenaton  poi il ruolo della moglie di suo padre, Nefertiti, e il ruolo di King Hour, un amante dell'eliminazione della famiglia, che guida Zahi Hawass, un'epopea drammatica di una storia vera che visse nella terra d'Egitto, scriverà per il nuovo spettacolo globale e prenderà i riflettori dallo spettacolo "Opera Aida" scritto dal francese "Auguste Marietta" appositamente per la cerimonia della prima apertura del Canale di Suez nel 1871 per ordine di Khedive Ismail.

Link utile





giovedì 7 novembre 2019

La Habana a 360 gradi premiata al Tourism Expo Japan 2019: l'installazione opera dell’italiano Giuseppe Galliano

Lo stand dell‘Ambasciata di Cuba in Giappone ha vinto il "Booth Gran Prix", un premio organizzato dalla JATA, l'Associazione del Turismo del Giappone. Il riconoscimento è stato assegnato durante il Tourism Expo Japan 2019 ad Osaka (JATA Osaka 2019), ed è consegnato dal Presidente Hiromi Tagawa, a Maylem Rivero, consigliere economico commerciale dell'Ambasciata di Cuba in Giappone.
Il concorso premia il concept migliore, sulla base del voto di una giuria composta da rappresentanti dell'organizzazione, del pubblico e degli espositori.
Le motivazioni dell’assegnazione l’aver coinvolto i visitatori grazie a un video in realtà virtuale VR, per aver messo a disposizione il frontale di un almendron (la classica vettura cubana degli anni 50) in cui il pubblico poteva fare dei selfie e condividere sui social la visita, per le degustazioni di Caffè e Rhum e per l'immancabile "Alegria" che non è mai mancata.
Nello stand del Ministero del Turismo Cubano (B001 posto nell'area dedicata ai Caraibi e all'America Latina) sono state allestite tre postazioni per la fruizione di video immersivi VR, realizzati in occasione delle celebrazioni dei 500 anni dell'Habana (1519 – 2019).
L'evento in Giappone è una delle più grandi manifestazioni dedicate al turismo mondiale, ed è considerato un punto di riferimento per attrarre visitatori provenienti dall'estremo oriente verso le destinazioni di tutto il mondo.
L'Ambasciata di Cuba in Giappone ha scelto di dotare il proprio stand di apparati dedicati alla visione a 360 gradi VR anche per via della particolare propensione all'impiego di tecnologia immersiva da parte del pubblico giapponese.
Il materiale verrà  poi reso disponibile per gli eventi in occasione del prossimo cinquecentenario dell' Habana.
La produzione dei video a 360 gradi Vr è stata curata dall’italiano Giuseppe Galliano Studio, (www.giuseppegalliano.it) che ha registrato per questo evento una nuova serie di video immersivi nella capitale Cubana. Una produzione che è stata seguita personalmente anche da Mauricio Nunez, uno dei più noti registi della Televisione Cubana.
L'allestimento dell'apparato tecnologico è stato curato inoltre da Latinoamericando Nihon, una struttura con base a Tokio che si occupa di promuovere il turismo dall'Oriente verso l'America Latina e che, nella stessa manifestazione, seguiva anche gli stand di Bolivia e Repubblica Dominicana.
I contatti tra le tre strutture, solo apparentemente lontane da un punto di vista geografico, ma unite nell'intento promozionale, sono iniziati a seguito del rilascio della piattaforma Habana@360 (www.habana-360.com).
Un sistema che raccoglie più di 140 video immersivi diversi, tutti girati a 360 gradi Vr che consentono una visita virtuale in tutta la capitale cubana, ora a piedi, ora in auto, ora in almendron, per raggiungere i punti più noti e quelli più nascosti.
Nei tre video 360 Vr che sono stati presentati al Tourism Expo Japan 2019 sono stati inserite le zone più note come Malecon, Capitolio, Gran Teatro dell'Habana, Parque Central, Plaza de la Catedral, Plaza de Armas, Hotel Nacional, Malecon, Plaza Vieja, Plaza de San Francisco, Obispo, El Cristo, Castillo del Morro, Plaza de la Revolucion.
Oltre quelle più metropolitane, come Estadio Latino Americano, Avenida 23, Cine Yara e Copelia. I nuovi hotel appena inaugurati Grand Hotel Manzana, Hotel Packard, Hotel Paseo del Prado. I luoghi degli artisti plastici, Callejon de Hamel e Casa Fuster. E i luoghi di Hemingway, la Finca Vigia e la Marina.
Si tratta di una fruizione coinvolgente perché permette allo spettatore di calarsi virtualmente nella capitale cubana, indossando i visori a disposizione nello stand con i quali basta ruotare il capo per interagire con l'ambiente circostante. Oppure attraverso i dispositivi mobili, tablet o cellulari (con e senza cardboard), e dove l'esperienza è interattiva perché si sfruttano i movimenti dello smartphone.
La scelta dell'Ambasciata di Cuba in Giappone mostra come risulti interessante e premiante servirsi dei filmati immersivi durante gli eventi fieristici. Un approccio permette di attrarre un numero elevato di visitatori e di poter interagire con loro quando vengono indossati i device. Prova ne è poi l'impiego dei medesimi contributi virtuali sui canali social, quali YouTube e Facebook.

sabato 14 settembre 2019

Egitto: un'attrazione turistica per l'equipaggiamento militare sotto il Mar Rosso per la prima volta

di LAMIAA MAHMOUD. L'arrivo dell'attrezzatura militare egiziana è iniziato martedì 10 settembre, sul fondo del Mar Rosso. Quindi, tutti gli appassionati di immersioni saranno entusiasti di guardarli.
Il progetto si basa sull'alluvione di attrezzature militari e veicoli abbandonati dall'esercito e installati sul fondo del mare.
Il Governatore del Mar Rosso, Ahmed Abdullah, ha detto che lo scopo di questo progetto è attirare un gran numero di turisti e sfruttamento dei mari, le spiagge e le isole circostanti. Ha aggiunto inoltre che questo progetto avrà un impatto economico.
Il sito del santuario è stato scelto in vista dei più alti standard di protezione dell'ambiente marino e per sostenere che il posto sicuro per le immersioni per ricevere il maggior numero di turisti è attirare un gran numero di professionisti locali e appassionati di immersioni e da tutto il mondo per godersi la natura marina subacquea, che contiene le più belle barriere coralline del mondo.

of LAMIAA MAHMOUD. The arrival of Egyptian military equipment began Tuesday 10 September, at the bottom of the Red Sea. So all diving enthusiasts will be thrilled to watch them.
The project is based on the flood of military equipment and vehicles abandoned by the army and installed on the seabed.
The Governor of the Red Sea, Ahmed Abdullah, said that the purpose of this project is to attract a large number of tourists and exploit the seas, beaches and surrounding islands. He added that this project will have an economic impact.
The site of the sanctuary was chosen in view of the highest standards of protection of the marine environment and to argue that the safe place for diving to receive the greatest number of tourists is to attract a large number of local professionals and diving enthusiasts and from all over the world to enjoy the underwater marine nature, which contains the most beautiful coral reefs in the world.

giovedì 5 settembre 2019

La bellezza di andare in immersione a Marsa Alam

di LAMIAA MAHMOUD. Quando parlo del Mar Rosso, devo parlare di Marsa Alam che è chiamata la sposa del Mar Rosso ed è anche famosa in tutto il mondo con eccellenti siti di immersione.
Malikia Resort , il Golfo di Abu Dabab, il resort si trova 30 km a sud dell'aeroporto internazionale di Marsa Alam, qui vi è una spiaggia sabbiosa con fondo verde, "sirena" e tartarughe in via di estinzione, che si riferisce ai tedeschi, ai cechi e agli inglesi.
Mansour al-Malik, proprietario di Al-Malikiyah Tourist Resort, ha dichiarato che la Riserva di Abu Dabbab, situata sulle sue rive, è considerata una delle migliori spiagge in termini di bellezza della sua natura pittoresca che è ancora incontaminata finora. 
La baia di Abu Dabab è delimitata a nord e a sud da strutture rocciose accompagnate da barriere coralline distintive e rare, e il suo fondo è costituito da un terreno sabbioso coperto da uno strato di erba marina, quindi è stato chiamato la spiaggia con fondo verde. Abu Dabbab, Btmlam Hall di un gran numero dall'erba verde, l'ha reso un habitat importante per il dugongo in via di estinzione e le tartarughe verdi.
E lo sport di immersioni ha molti vantaggi e il più importante  per esempio è offrire alta flessibilità e forma fisica e aiuta a rafforzare i muscoli della coscia, delle gambe e dei piedi e aiuta a rafforzare i muscoli addominali, i muscoli delle spalle e degli avambracci.
Ci sono studi che confermano che L'immersione è molto importante per la salute e che l'esercizio delle immersioni (Diving) regolari lavorano sulla prevenzione del cervello e degli attacchi di cuore.

of LAMIAA MAHMOUD. When I talk about the Red Sea, I have to talk about Marsa Alam which is called the bride of the Red Sea and is also famous all over the world with excellent dive sites.
Malikia Resort, the Gulf of Abu Dabab, the resort is located 30 km south of Marsa Alam international airport, here there is a sandy beach with a green bottom, "mermaid" and endangered turtles, which refers to the Germans , to the Czechs and the British.
Mansour al-Malik, owner of Al-Malikiyah Tourist Resort, said that the Abu Dabbab Reserve, located on its shores, is considered one of the best beaches in terms of the beauty of its picturesque nature which is still unspoiled so far.
The bay of Abu Dabab is bordered to the north and south by rocky structures accompanied by distinctive and rare coral reefs, and its bottom is made up of sandy soil covered by a layer of sea grass, so it has been called the beach with a green bottom. Abu Dabbab, Btmlam Hall of a large number of green grass, has made it an important habitat for the endangered dugong and green turtles.
And the diving sport has many advantages and the most important for example is to offer high flexibility and physical fitness and help strengthen the muscles of the thigh, legs and feet and help strengthen the abdominal muscles, the muscles of the shoulders and forearms.
There are studies that confirm that diving is very important for health and that regular diving exercises work on preventing the brain and heart attacks.

martedì 13 febbraio 2018

Msc Crociere debutta in Giappone

MILANO - La compagnia Msc Crociere è pronta a sbarcare per la prima volta in Giappone durante il 2018. Ad annunciarlo Leonardo Massa, country manager per l'Italia della compagnia, durante la BIT a Milano. L'apertura del mercato nipponico, che è parte - ha spiegato MSC - di una più ampia strategia di forte espansione della compagnia in Oriente, verrà inaugurata a partire dal prossimo maggio con la nave MSC Splendida, che proporrà crociere di 3 giorni durante la celebre fioritura dei ciliegi.

A luglio, agosto e anche a novembre 2018 MSC Splendida navigherà poi tra Giappone, Cina e Russia, toccando in Sol Levante mete popolari come Yokohama (seconda città più popolosa del Giappone) e Osaka (grande città portuale e polo commerciale dell'isola di Honshu), nonché destinazioni meno note come Sasebo, celebre per i suoi panorami sulle oltre 200 isole Kujukushima, e Maizuru, punto di partenza per scoprire la città di Kyoto.

venerdì 25 novembre 2016

Natale in Costiera Amalfitana: Positano e Amalfi

La Costiera Amalfitana è la meta ideale per chi vuole trascorrere il Natale in luoghi a dir poco suggestivi. Il tratto di costa campana tra Positano e Vietri sul Mare, si sa, è un susseguirsi di scenari incantevoli incastonati nel Golfo di Salerno, che, in questo periodo, costituiscono il set ideale per incorniciare la magia natalizia. Tra le destinazioni più ambite, Positano e Amalfi sono certamente i due poli più gettonati: vediamo perché.

Positano - Positano è il Comune che delimita il tratto occidentale della Costiera, nonché uno dei suoi gioielli più preziosi, come ci ricorda questo articolo di Expedia. Il borgo accoglie i visitatori con un fiabesco degradare di casette a picco sul mare, che si dipanano intorno alla Chiesa di Santa Maria Assunta, lungo un dedalo di vicoli costellati di scalinate che conducono alla spiaggia. Questa affascinante cornice, nel periodo natalizio, viene impreziosita dalla presenza di alberi di Natale, presepi, mercatini, luminarie e colorate processioni, trasformandosi in una vera e propria festa di luci e colori. Il borgo diviene inoltre la culla di uno dei presepi più suggestivi di tutto il Sud Italia: quello allestito presso la grotta naturale di Fornillo, con tanto di cascata e bacini d’acqua, barche e statue realizzate a mano. Infine, a Natale come in qualunque periodo dell’anno, uno dei motivi per cui vale la pena optare perPositano è il fatto che il territorio del Comune è incluso in uno dei sentieri escursionistici più belli al mondo. Si tratta del Sentiero degli dei, che percorre i Monti Lattari, snodandosi tra la Costiera Amalfitana e la Costiera sorrentina.

Amalfi – Amalfi, l’antica repubblica marinara, sorge nella parte orientale della Costiera a cui dà il nome. Il borgo è celebre per i suoi affascinanti scorci, caratterizzati da un vivace alternarsi di vicoletti a picco sul mare e monumenti di grande bellezza, primo fra tutti il Duomo di Sant’Andrea. Le iniziative organizzate durante il periodo di Natale attirano curiosi da tutta Italia e non solo, per la loro particolarità. Oltre all’unicità dei mercatini sul lungomare dell’Amalfi Christmas Village, attivi dal 16 dicembre 2016 al 6 gennaio 2017, ricordiamo il Natale Subacqueo: il 17 dicembre, presso la Grotta dello Smeraldo, si svolgerà la tradizionale cerimonia religiosa subacquea, una sorta di fiaccolata marina a cui vale davvero la pena partecipare, specialmente se appassionati di immersioni. Per farlo, si ricorda che è necessario effettuare la prenotazione all’evento con anticipo(contattando il numero 3391267850 o inviando un’email a gosub.segreteria@gmail.com).





lunedì 25 luglio 2016

Alternative low cost alle Cinque Terre

Le Cinque Terre, si sa, sono un vero e proprio paradiso marino. La bellezza dei loro paesaggi è però direttamente proporzionale ai prezzi degli alloggi che, in questo periodo, sono anche soggetti al forte rincaro dell’alta stagione turistica. Eppure, ci sono diverse alternative low cost per chi non ha avuto tempo di organizzare il viaggio in anticipo, ma non vuole rinunciare a trascorrere qualche giorno in questo splendido lembo di terra ligure.

Levanto, ad esempio, è uno degli escamotage più efficaci. Il piccolo Comune della provincia di La Spezia sorge infatti all’interno della medesima riserva naturale delle Cinque Terre, rappresentando una meta che non ha davvero niente da invidiare a queste ultime: anche Levanto si affaccia su un mare cristallino, impreziosito da fondali incontaminati e belle spiaggette, e, soprattutto, presenta la medesima conformazione geografica delle Cinque Terre. In particolare, il borgo risulta incastonato su un tratto di costa a picco sul mare, costellato di terrazzamenti di ulivi e vigneti, e custodisce un patrimonio architettonico analogo a quello dei Comuni limitrofi.

La proposta turistica di Levanto non delude nemmeno sul fronte della ricezione. La località risulta egregiamente attrezzata con diversi tipi di strutture non troppo dispendiose, che spaziano dagli alberghi più eleganti ai pratici B&B, passando per un buon numero di ostelli e campeggi, per chi volesse ridurre ulteriormente il budget destinato alla vacanza. A tal proposito, una soluzione interessante è quella offerta dal Camping Acqua Dolce che, con una ventina d’euro a notte, consente di soggiornare a soli 150 metri dal mare e a dieci minuti a piedi dalla stazione centrale. La presenza di quest’ultima, inoltre, fa di Levanto un ottimo punto d’appoggio per chi vuole raggiungere le località più famose in un secondo momento. È infatti disponibile una rete di collegamenti ferroviari interni, coperti dalle linee “Cinque Terre Express” e “Intercity”, con cui è possibile raggiungere i borghi di Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore in poco tempo e, soprattutto, a prezzi irrisori. Inoltre, durante l’estate, viene attivata una linea di traghetti, che ogni giorno collega i porti di La Spezia, Lerici, Monterosso, Porto Venere e Portofino.

E se Levanto non dovesse convincervi troppo, potete sempre dare uno sguardo alle offerte last minute di siti in stile Yalla Yalla e incrociare le dita, sperando di riuscire a trovare un pacchetto a prezzi scontati - cosa comunque non impossibile.

Lucca in bici

Lucca è la meta ideale per gli appassionati di escursioni in bicicletta. La città, infatti, offre interessanti possibilità agli amanti della due ruote, che potranno concedersi stimolanti pedalate tra monumenti antichi, oasi naturalistiche e proposte per il relax.

Naturalmente, uno degli itinerari più gettonati è quello che segue le celeberrime mura cittadine. Lungo la storica fortificazione che incornicia il centro storico di Lucca, si trova infatti una suggestiva pista ciclopedonale: oltre alla possibilità di esplorare uno dei monumenti più significativi della Toscana in maniera originale, questa offre una delle vedute più belle sulla città. In particolare, percorrendo il tour delle mura si possono ammirare numerose chiese - come la Cattedrale di San Martino, la Basilica di San Frediano e la Chiesa di San Girolamo - e diversi monumenti, tra cui la Torre delle Ore.

Nel ventaglio dei tour imperdibili non ci si può lasciar scappare quelli organizzati dal Comune in collaborazione con Tuscany ride a bike, l’associazione che, dal 1999, si occupa di organizzare viaggi ed escursioni in Toscana per gli amanti della bicicletta. Tra le migliori proposte, segnaliamo l’itinerario lungo "Le ville lucchesi". Questo si snoda attraverso splendide zone collinari dai paesaggi bucolici, e consente di ammirare le dimore e le ville più belle dell’antica aristocrazia lucchese. Si parte dalla località di San Pancrazio, dove si trova la cinquecentesca Villa Oliva e, dopo un percorso di circa 39 chilometri, si giunge nell’area ribattezzata “Piccola Parigi”, che custodisce il complesso barocco di Villa Torrigiani. Il tour, che richiede tra le 4 e le 5 ore di viaggio, permette di ammirare le architetture di: Villa Grabau, costruita su uno storico edificio quattrocentesco; Villa Reale, la cui attuale estetica si deve alla sorella di Napoleone Bonaparte, Elisa Bonaparte Baciocchi; Villa Mansi e il suo scenografico giardino realizzato da Filippo Juvarra. Se l’itinerario integrale dovesse risultare troppo impegnativo, è disponibile anche una versione ridotta, che si ferma alle prime tre ville, coprendo un tratto ciclabile di poco più di 20 chilometri.

Chi ha prenotato un hotel a Lucca non può lasciarsi sfuggire l’occasione di provare anche i bike tour nei dintorni, ad esempio quello verso Montecatini Terme, che in questo periodo rappresenta un'opzione decisamente allettante. Infatti, una volta giunti a destinazione, i ciclisti possono rilassarsi in uno degli stabilimenti termali della città, che sono tra i più rinomati in Toscana, come ci ricorda questo articolo di Expedia, e approfittare dei benefici delle loro acque e della pace dei loro ambienti.



giovedì 31 marzo 2016

Tour nel Nord della Spagna

Un tour nella Spagna del Nord, dalle propaggini dei Pirenei fino a Finisterre, passando per Bilbao, le spiagge spettacolari della Cantabria e l’eleganza di città come Santander. Ecco una panoramica su alcune – ma solo alcune – delle mete imperdibili per chi si prepara alla scoperta delle verdi terre della Spagna settentrionale. Per l’organizzazione del viaggio, bisogna però armarsi di buona volontà: anche se alcune agenzie, come Yalla Yalla, hanno cominciato a proporre pacchetti vacanze con itinerari in queste regioni della penisola iberica, non sarà facile trovare soluzioni già pronte che rispondano ai desideri del viaggiatore più intraprendente e curioso.

Pais Vasco – Non solo Bilbao! Certo, la celebre città del Guggenheim e delle “Siete Calles” deve essere un punto fermo nel vostro itinerario, ma sono innumerevoli le località della costa basca che meritano una visita. Imperdibili sono, ad esempio, Zarautz, soprattutto se siete amanti del surf, e Hondarribia. Impressionanti sono poi i paesaggi della Riserva di Urdaibai, nel golfo di Vizkaya: spiagge e scogliere, sul litorale, e boschi nell’interno, con un’incredibile varietà di paesaggi e ambienti, che si estendono tra il capo di Matxitxaco e Ogoño, abbracciando la foce del fiume Oka. Per gli amanti del buon vino – e non solo – da segnare è anche la Ruta de la Rioja Alavesa, sulle rive dell’Ebro, dove si produce uno dei vini più prestigiosi di tutta la Spagna. Per quanto riguarda le città, notevole è Donostia-San Sebastián, situata nella celebre Baia della Concha.

Cantabria – Tra le località più apprezzate della costa, spiccano quelle del litorale orientale cantabrico: Somo, Santoña e Laredo sono solo alcuni dei nomi che dovete appuntarvi se siete in cerca di belle spiagge. Da non perdere è ovviamente Santander, capoluogo della comunidad autonoma, città elegante e signorile, adagiata in una delle baie più belle del Paese. Altri gioiellini sono le località di Santillana del Mar, con bellissimo centro storico, Comillas, con esempi di architettura modernista, e San Vicente, medievale. Ma non si può passare per la Cantabria senza esplorare il suo tesoro più prezioso, ovvero il Parco Nazionale de los Picos de Europa, lo spazio protetto più visitato della Spagna, nonché il più esteso, con 700 chilometri quadrati che si spingono anche nei territori delle Asturie e di Leon, tra vallate, boschi e vette che raggiungono i 2500 metri.

Asturie – Qui il Parco Nazionale de los Picos de Europa custodisce una delle sue attrattive più belle. Si tratta dei Laghi di Covadonga: i laghi di Enol ed Ercina, circondanti da impressionanti montagne, si trovano proprio nel cuore del parco, a circa 30 chilometri da Cangas de Onis. Sulla costa, invece, spiccano Llanes, con un interessante centro storico e belle spiagge (che la rendono, non a caso, una delle località più frequentate dell’Oriente asturiano) e Cudillero, “pueblo de casas colgantes”, davvero suggestivo (notevole, qui, l’itinerario dei miradores). Tra le città è ovviamente imperdibile Oviedo, capoluogo della comunidad autonoma.

Galizia – Eccoci all’estremo occidente della penisola. Qui la costa si fa davvero impressionante, con spettacolari scogliere che si gettano nell’oceano. Del resto, qui si trova la celebre Costa da Morte, con l’imperdibile Finisterre. Lungo il litorale spiccano le località di Ortigueira, Viveiro e Ribadeo. In quest’ultima, vero e proprio must è la cosiddetta spiaggia de las Catedrales, autentico monumento naturale. Nell’interno della regione, una visita è imprescindibile a Santiago de Compostela, meta finale del millenario Cammino di Santiago: il centro storico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, custodisce meravigliosi monumenti. Se avete tempo anche per spingervi un po’ più a sud, merita di essere visitata la provincia di Ourense, che vanta spazi naturali di incredibile bellezza. In particolare, tra la provincia di Ourense e quella di Lugo, si estende la regione chiamata Ribeira Sacra - una terra i cui paesaggi sono disegnati dal corso dei fiumi Sil e Miño, tra canyon, monasteri e terrazzamenti di vigneti.

martedì 13 maggio 2014

Il Salento alla conquista dei turisti cinesi

di Pierpaolo De Natale - L'incontro a Palazzo Carafa tra John Xing - fondatore del World Agritourism Development Forum e il sindaco di Lecce (Paolo Perrone) ha portato quest'ultimo a definire il meeting un ponte tra Lecce e Cina, potenziale portatore di risultati in molti altri settori oltre quello turistico.
John Xing ha visitato tutto il Salento, in un tour alla scoperta dell'architettura, delle aree rurali, e del paesaggio della provincia leccese, dicendosi colpito dal potenziale turistico di questa regione - ancora sconosciuto in Asia.

“E' un peccato che in una popolazione di un miliardo solo pochi conoscano la bellezza di Lecce”, ha detto Xing in conferenza stampa “e il nostro lavoro mira ad allargare questa utenza. Vedere strade circondate dal verde degli ulivi è impressionante e non si può non citare il centro storico leccese: un vero e proprio museo a cielo aperto”. Una vincente strategia di marketing secondo Xing è “organizzare una serie di eventi utili a far conoscere il Salento e i suoi prodotti artigianali ai cinesi”.

“In Cina ci sono 100 milioni di ricchi che guardano al viaggio in Europa come ad uno status symbol ma dobbiamo essere capaci di creare un' offerta diversificata che sappia coniugare cultura e natura, evitando servizi strandardizzati. In questo dobbiamo seguire l'esempio della Francia che ha consolidato una buona fetta di turismo cinese” - ha riferito il sindaco Perrone.